Allarme Febbre del Nilo in Europa: 300 casi nell’ultima settimana

Febbre del Nilo: l’infezione continua a diffondersi. Vediamo com’è la situazione in Italia e in tutta Europa.

Purtroppo l’Italia, secondo l’ECDC, è lo stato che si trova nella peggior situazione in Europa per quanto riguarda l’infezione dalla febbre del Nilo.

Nei ultimi giorni in tutta Europa c’è stato un vero e proprio boom di casi di infezione dovuti a tale infezione.

Essa è stata registrata per la prima volta negli uccelli in Germania. Solo nel periodo 24-30 agosto sono state registrate 300 segnalazioni per quanto riguarda la West Nile, per non parlare dei 410 casi segnalati durante tutto anno.

Leggi anche:
Allarme zanzare e virus West Nile, Zika e Chikungunya. E i medici?

Qual è la situazione in Europa?

In Italia sono stati segnalati 144 casi di febbre del Nilo occidentale. La situazione è allarmante anche negli altri paesi Europei.

In particolare in Grecia sono stati segnalati 41 casi, mentre in Romania 61 e in Ungheria con 38.  In Francia, invece, ne sono stati segnalati 6, in Austria 8, sia in Croazia che Slovenia un solo caso. Inoltre la malattia si sta diffondendo anche in paesi extraeuropei: ad esempio in Israele ci sono stati 49 casi, mentre uno solo è stato registrato nel Kosovo.

Ecco cosa si consiglia di fare per quanto riguarda la febbre del Nilo

West Nile continua a fare vittime in EuropaSi consiglia vivamente di evitare il contatto con gli animali morti e con superfici umide, che potrebbero rappresentare dei veri e propri focolai. Giovanna D’Agata, presidente dello Sportello dei Diritti consiglia di fare massima attenzione nella fase di viremia, poiché le zanzare potrebbero penetrare negli ambienti domestici e portare la pericolosissima infezione.

In ogni caso appena si notano i primi sintomi dell’infezione bisogna recarsi urgentemente dal medico curante o al pronto soccorso più vicino.

Bisogna sapere che il primissimo sintomo della febbre del Nilo occidentale è una febbre moderata dopo pochi giorni dalla puntura della zanzara infettata. Gli altri sintomi della febbre West Nile sono simili a quelli di una normale influenza: nausea, mal di testa, mal di schiena, tosse, diarrea, eruzioni cutanee e fatica a respirare.

I bambini e gli anziani sono più soggetti a serie complicazioni, come la meningite o l’encefalite.

Leggi anche:
Allarme West Nile: ecco cosa succede in Italia.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.