Allarme ragno violino a Roma: ecco i quartieri con più segnalazioni

Allarme ragno violino a Roma: ecco i quartieri con più segnalazioni

Segnalazioni di attacchi da parte del ragno violino concentrate a Roma Sud. Come riconoscere l’animale, quali sono i sintomi della puntura, come intervenire e quali possono essere i rischi. E’ veramente così pericoloso il ragno violino?

Ragno violino, paura a Roma: ecco le zone più a rischio

Poche settimane fa aveva suscitato allarme la notizia di un uomo salvato per miracolo dopo essere stato morso da un ragno violino in Umbria. A far rientrare l’allarme ragni violino il fatto che si fosse trattato di un caso isolato, per quanto tragico. Ma potrebbe non essere così. Arrivano da Roma, in particolare da alcuni quartieri del sud della capitale, alcune segnalazioni di persone morse da questo tipo di ragno. I casi si sono concentrati tra Ardeatina e Laurentina. Non è un caso perché intorno a queste periferie ci sono molte campagne e spazi verdi aperti, habitat in cui si annida questa specie di ragno che ora spaventa in Italia. E con il caldo è più alto il rischio di imbattersi nel ragno violino. Ma è veramente così pericoloso? C’è da avere paura?

ragno_violinoMorso ragno violino: sintomi e rischi

La buona notizia è che il ragno violino di per sé non attacca le persone. Lo fa però quando si sente aggredito e quindi per difesa.
Partiamo dalle basi: come riconoscere il ragno violino? Scientificamente si chiama Loxosceles rufescens: gli esperti lo descrivono come un animale piccolo (7 ai 10 millimetri circa ) e giallognolo, con tratti marrone.

Un suo morso può causare prurito e arrossamenti ma anche allergie e bruciori. Se intervengono batteri anaerobi possono verificarsi anche danni alla cute o ai muscolari e ai reni. Il problema è che spesso i sintomi si manifestano dopo un paio di giorni il che impedisce un intervento tempestivo da parte dei medici che invece può essere determinante come in Umbria. Se ci si accorge di essere stati morsi da quello che sembra essere un ragno violino, si consiglia di correre in ospedale al centro veleni e, se possibile, portare una fotografia del ragno.


Leggi anche: Partite IVA, verso secondo acconto delle tasse anche a rate con l’ok dell’ISTAT