Arriva il “SI” per lo sloveno, da settembre si studierà in tutte le scuole

Lo sloveno è una lingua comunitaria, gli alunni potranno studiarla a partire dal prossimo anno scolastico.

Non solo a Trieste la punta dove è stato lanciato il progetto, tutti gli alunni potranno optare per lo sloveno, divenuta una lingua comunitaria, uguale al tedesco, al francese e allo spagnolo. Tante le novità che investiranno gli alunni nuovi iscritti con decorrenza il prossimo anno scolastico. Gli istituti dovranno attivarsi per garantire le lezioni.

Nelle scuole arriva lo sloveno

Il Miur ha pubblicamente comunicato la nota per l’ingresso della lingua slovena divenuta una lingua comunitaria pari alle altre lingue studiate nelle scuole italiane. Gli istituti dovranno attivarsi entro settembre con docenti di lingua Lubiana.

Il ministro dell’Istruzione in un incontro a Trieste ha ribadito la necessità d’integrare la lingua slovena nella società attuale, dove diverse culture creano il giusto ponte per socializzare.

Una prima fase dello studio della lingua slovena in via del tutto sperimentale, era stata sviluppata nelle sole scuole di Trieste. Ora, la nota del Ministero ha ampliato la fascia integrandola a tutte le scuole e non solo alle scuole di  Rismondo di Melara e Sauro di Muggia.

Cosa cambia con l’ingresso della nuova lingua i posti degli altri insegnanti sono in bilico?

Gli studenti potranno scegliere in tutta tranquillità la seconda lingua che intendono studiare. Toccherà agli istituti organizzarsi per essere pronti con il nuovo anno scolastico. I posti dei professori delle altre lingue comunitarie non subiranno discriminazioni, né alcun professore rischierà il posto. 

Un progetto nato dalle famiglie sostenuto dalla scuola

Una sperimentazione nata per supportare l’integrazione degli studenti nelle fasi della socializzazione. In un primo momento la mera preoccupazione era rivolta alla possibile riduzione dei professori delle altre lingue comunitarie. Dubbi sciolti dallo stesso Ministero dell’istruzione. 

A dare coraggio al progetto, Valeria Fedeli durante un intervento presso il Teatro sloveno di Trieste, dove fece il suo ingresso con il saluto ufficiale sloveno.

Gli studenti potranno studiare lo sloveno solo se indicato al momento dell’iscrizione al nuovo anno scolastico. Sostanzialmente si tratta di uno studio su “richiesta”.

 

Leggi anche:

Maxi Ponte 25 Aprile 1 Maggio: Attenzione Sciopero Scuola 2 E 3 Maggi

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein