Assistenti tecnici per la didattica a distanza: nomina e mansioni

-
31/03/2020

Come sapranno i 1.000 assistenti tecnici previsti dal decreto Cura Italia a quali scuole verranno assegnati? Ecco di seguito la procedura.

Assistenti tecnici per la didattica a distanza: nomina e mansioni

Nell’ultimo decreto Cura Italia sono stati stanziati ben 85 milioni di euro per la scuola e tra queste somme ce n’è una dedicata a 1.000 assistenti tecnici che dovranno aiutare le scuole dell’infanzia, le elementari e medie nella didattica a distanza, e non solo per possibili problemi che possono sorgere legati a tale modalità. Ma come sapranno tali tecnici di essere stati nominati? Come sapranno la loro destinazione e la scuola per cui lavoreranno? Vediamolo di seguito.

Assistenti tecnici per la didattica a distanza: nomine e scuole per cui lavoreranno

I 1000 assistenti tecnici verranno assegnati agli Uffici scolastici regionali tenendo conto del numero di alunni che vi sono all’interno delle scuole del primo ciclo della Regione a cui fanno riferimento.

I direttori degli Uffici scolastici regionali, poi, andranno ad individuare delle scuole polo, presenti tra le scuole medie, elementari e di infanza tenendo conto di alcuni dati.

Il primo dato è una distribuzione di tipo omogenea su tutto il territorio della regione, mentre il secondo dato a cui fare attenzione sono le esigenze e la situazione di funzionamento delle scuole delle regioni di riferimento.

Le scuole polo regionali verranno individuate e saranno indicate l’insieme di tutte le scuole che fanno riferimento a ciascuna di esse, cioè le scuole polo.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps

Sarà poi compito di ogni scuola polo organizzare e coordinare le attività degli assistenti tecnici.

Gli assistenti tecnici come verranno nominati?

Entriamo adesso nel vivo dell’argomento e occupiamoci dei principali protagonisti: gli assistenti tecnici necessari al funzionamento della didattica a distanza.

Sarà compito dei dirigenti delle scuole polo richiedere l’individuazione degli aspiranti alla scuola secondaria di II grado che si trova più vicina a loro, la quale possiede le graduatorie di istituto per assistenti tecnici di informatica.

In un secondo step, gli stessi  dirigenti delle scuole polo stipulano con questi ultimi un contratto la cui durata termina nel giorno 30 giugno 2020.

Passiamo adesso alle mansioni che devono essere eseguite dagli assistenti tecnici.

Essi dovranno fare da consulenza e supportare le scuole nell’utilizzo della didattica a distanza, ma anche supportare gli stessi studenti nelll’utilizzo degli strumenti loro assegnati.

 

Leggi anche:

Didattica a distanza: il problema della valutazione