Attenzione, nelle vacanze 4 furti su 5 avvengono in casa

-
26/06/2019

Verisure e Sondea rilevano che nel periodo delle vacanze 4 furti su 5 avvengono in casa.

Attenzione, nelle vacanze 4 furti su 5 avvengono in casa

Verisure, leader in Italia e in Europa nel settore degli allarmi monitorati per residenze e piccolo business, ha registrato, in collaborazione con l’Istituto di Ricerca Sondea*, una crescita di furti nel periodo estivo. Dai dati emerge che sul totale di furti dichiarati dai partecipanti alla ricerca 2018, il 32% è avvenuto in estate. Il periodo estivo primeggia sul periodo natalizio, sui fine settimana e sui ponti festivi.

È un trend in aumento quello dei furti estivi che nel 2017 si fermava al 25%.

In entrambe le stagioni estive 2017 e 2018, 4 furti su 5 sono avvenuti in casa, secondo i dati Sondea.

Il report degli scatti di allarme reali registrati dalla Centrale Operativa Verisure evidenzia uno stesso trend.

La Centrale Operativa Verisure è monitorata h24 da Guardie Giurate che verificano ogni scatto di allarme o SOS in meno di 60’’ per intervenire immediatamente in caso di allarme reale allertando le Forze dell’Ordine o i soccorsi e inviando le Guardie Giurate sul luogo dell’evento.

–          Nel 2018, il 25% dei furti, effrazioni e tentate intrusioni registrate dalla Centrale Operativa Verisure è avvenuto nei mesi di giugno, luglio ed agosto

–          Nel 2017, la percentuale dei furti avvenuti in estate si fermava a 22,3%


Leggi anche: Pace fiscale 2021, il governo punta al decreto Sostegno: dalla proroga della rottamazione ter al saldo e stralcio, fino alla cancellazione dei debiti da 5mila euro

–          Nel 2016, gli scatti di allarme registrati nei mesi estivi per furti ed effrazioni erano appena il 19,4% sul totale annuo.

Di fronte a questi dati, diventa importante incrementare la sicurezza di abitazioni e negozi sia prima di partire per le vacanze estive sia quando si è in casa:

–          Doppia attenzione alle azioni routinarie: quando si è focalizzati sulle valigie da caricare in macchina c’è il rischio di dimenticarsi quelle azioni compiute in modo automatico prima di uscire di casa, come chiudere le finestre e il gas o spegnere la luce.

–          Attenzione al giardino: un giardino ben curato dà l’impressione che la casa sia abitata. Non lasciare mai siepi, strumenti da giardino o scalette sotto le finestre perché possono facilitare l’ingresso in casa. È bene proteggere l’interruttore esterno della corrente con una grata o una cassetta metallica per impedire che qualcuno possa disattivare la corrente.

–          Protezione delle finestre: con il caldo si tende a lasciare le finestre aperte durante le ore notturne ma se non si è dotati di buone inferriate, le finestre diventano una facile via di accesso per eventuali malintenzionati. Se si è dotati di un sistema di allarme con sensori per porte e finestre, è importante attivare sempre la modalità di protezione parziale prima di andare a dormire, così da proteggere ogni accesso in casa.

–          Maggiore protezione per gli oggetti preziosi: se si dividono gli oggetti preziosi in più cassette di sicurezza ci sarà meno probabilità che eventuali intrusi, una volta trovata la prima, ne cerchino altre. È consigliabile allarmare le cassette di sicurezza con sensori come quelli per porte e finestre: se i sensori fanno parte di un sistema connesso a Centrale Operativa, le Guardie Giurate interverranno immediatamente per impedire il furto anche in vostra assenza.


Potrebbe interessarti: Bonus Irpef 100 euro 2021: perché 1,5 milioni di lavoratori rischiano la restituzione

–          Protezione dagli scatti della corrente elettrica: se scatta la corrente durante un lungo periodo di assenza, il cibo nel freezer sarà da buttare, ma non solo. Se si possiede un sistema di allarme collegato a corrente elettrica o un sistema domotico che accende le luci durante l’assenza, si finisce per rimanere privi di una completa protezione. È consigliabile quindi dotarsi di un sistema di allarme che segnala l’interruzione della corrente e che sia wireless, così da assicurare una sicurezza a 360° anche in assenza di elettricità.

*L’indagine è stata realizzata dall’Istituto di ricerca e mercato Sondea su un campione di più di 2500 italiani tra i 30 e i 65 anni, selezionati proporzionalmente alle quote di popolazione italiana (sui dati ufficiali dell’Istituto Nazionale di Statistica d’Italia Eurostat 2014 in base al sesso, età e regione di residenza).