Bambina di 3 anni muore per un chicco d’uva

-
09/05/2018

Tragica morte di una bambina di soli 3 anni per colpa di un aciino d’uva.

Bambina di 3 anni muore per un chicco d’uva

Una tragedia sconvolge l’Italia, nei pressi di Monza, una bambina di Vimercate soffoca dopo aver ingerito un chicco d’uva. La mamma insegna nella scuola dell’infanzia frequentata anche dalla bambina. La piccola perde i sensi e, probabilmente a causa dell’arresto cardiaco in corso, muore in seguito ad un terribile peggioramento che la porta fatalmente alla morte. Per la piccola bambina di anni, dopo il coma e il trasferimento urgente in terapia intensiva pediatrica, non c’è stato nulla da fare.

La causa del decesso è probabilmente da rintracciare in un acino d’uva.

Nonostante il tempestivo intervento di rianimazione eseguito in ospedale, la bambina è di nuovo peggiorata fino ad arrivare alla morte segnalata nel giorno 7 maggio. Sconvolta la famiglia, che nonostante i numerosi tentativi di salvare la piccola, si ritrovano ora ad affrontare la perdita di una creatura tanto piccola. Giusto l’estate scorsa, proprio vicino Mantova, una situazione simile aveva causato il soffocamento di un bambino a causa di un pomodoro. Sembrerebbe che la piccolina sia arrivata nell’ospedale di Vimercate già in arresto circolatorio, in stadio avanzato. I suoi genitori, travolti dal dolore, hanno già autorizzato la donazione degli organi.

Tragici incidenti.

Ancor una volta, una giovane anima perde la vita per un tragico incidente. Talvolta ci si domanda come la morte riesca a travolgere gli esseri umani cosi, da un momento all’altro. E come non soffermarsi su questo pensiero quando, a farne le spese, e propria una giovane vita. Alcuni decessi, devono talvolta essere imputati alla sconcertante negligenza del nostro sistema sanitario nazionale, altre volte come in questo caso purtroppo ad un fatto tragicamente e disastrosamente avverso. Siamo vicini alla famiglia in questo doloroso memento, e mostriamo tutto il nostro rispetto verso una famiglia che nonostante il dolore per la perdita subita, non perde la propria umanità e autorizza la donazione degli organi.


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco