Bambino di 1 anno lasciato in macchina, scatta la denuncia al padre

-
29/04/2018

Uomo moldavo lascia figlio di 1 anno in macchina, scatta la denuncia

Bambino di 1 anno lasciato in macchina, scatta la denuncia al padre

Non è la prima volta che i genitori si dimenticano, oppure lasciano inconsapevolmente il proprio figlio in macchina.

Non coscienti della pericolosità per i minorenni e la gravità del fatto in se per se?

Questa volta succede a Bologna, proprio l’altro giorno, quando un giovane uomo di 35 anni, di origine Moldave, lascia il figlio di appena un anno in macchina.

Bambino solo in macchina

Doveva andare in uno degli uffici comunali non troppo lontano ed il bimbo dormiva. Non si capisce ancora se l’uomo ha lasciato il bambino in macchina chiusa a chiave  perché dormiva, oppure perché pensava di sistemare velocemente le sue pratiche e ritornare dal bimbo.

Una pattuglia dei carabinieri di Borgo Panigale, passava in via Marco Emilio Lepido, quando scoprono la stravolgente ‘’sorpresa’’.

Una pattuglia dei carabinieri che si trovava nella zona, proprio per un semplice controllo di sicurezza. Si accorgono della presenza di un bambino solo in macchina. Scatta l’allerta massima, cosi gli agenti chiamano il 112.

Con il loro aiuto, sono riusciti a rintracciare il padre del bimbo, si trovava in un’ ufficio comunale, per fare l’iscrizione all’asilo nido per il proprio bambino. Sollecitato ad aprire la macchina dove si trovava il bambino ancora dormendo sul seggiolino, e fortunatamente in buone condizioni di salute.

L’uomo 35 enne è stato denunciato per abbandono di minore.

Inconsapevole che poteva succedere qualcosa di grave al figlio, adesso l’uomo moldavo dovrà rispondere di fronte al Tribunale per aver commesso un reato gravissimo.

Questa volta, fortunatamente è andato tutto bene per il piccolo bambino di 1 anni, ma ricordiamoci quando in passato genitori che hanno dimenticato i propri figli nella macchina chiusa, causando cosi la morte dei piccoli ragazzini innocenti. Non si capisce ancora perché succedono questi episodi.  Ci chiediamo com’è possibile che un genitori possa fare un gesto del genere, senza pensare alle conseguenze?