Bollo auto si pagherà in base ai chilometri, tutte le novità

Nuove regole per il calcolo del bollo auto che diventa europeo: ecco le novità per il pagamento della tassa di circolazione dell’auto.

Il bollo auto diventa europeo, sarà uguale per tutti: ecco quanto e come si pagherà.

Le novità approvate dalla Commissioni Europea

La Commissione Trasporti del Parlamento Europeo ha approvato diversi cambiamenti, al riguardo del bollo auto e non solo, che sono molto interessanti.

Le novità riguardano la tassazione per autoveicoli pesanti al trasporto di merce su strada e il telepass Europeo che ha come obiettivo unificare tutti gli impianti dei paesi membri. Questi provvedimenti, però, devono ancora passare per le commissioni degli stati membri. Prima di poter andare in vigore. Il Telepass Europeo potrebbe far risparmiare ben 370 milioni di euro l’anno a chi utilizza le autostrade in Europa.

Bollo auto e chilometri percorsi

La novità, che interessa a tutti gli automobilisti, riguarda la tassa automobilistica, che sarà uguale per tutti i paesi dell’Unione Europea. I principi su cui si dovrà basare il calcolo dell’importo del bollo auto sono due:

  • In base all’inquinamento prodotto da veicolo;
  • In base ai chilometri percorsi.

Per calcolare i Km percorsi, ogni autoveicolo dovrà essere dotato di un’apparecchiatura che sia in grado di registrare i km percorsi.

Quando andrà in vigore

Le nuove regole per il calcolo della tassa automobilistica andranno in vigore per i mezzi pesante entro il 2023 mentre per gli autoveicoli entro il 2026.

Chi non deve pagare

Il bollo auto non lo paga chi usufruisce della legge 104/92. Infatti c’è l’esenzione del pagamento del bollo per i veicoli destinati al trasporto di portatore di handicap o invalido.

Possono usufruire dell’esenzione fiscale i portatori di handicap che sono intestatari dell’autoveicolo o chi è intestataria del veicola e ha a suo carico fiscalmente il portatore di handicap/invalidità.

leggi anche: Bollo auto: si pagherà in base ai chilometri percorsi

Bollo auto, chi può chiedere l’esenzione?

Maria Di Palo

Sono ragioniere programmatore, ho scoperto, grazie ad una buona amica, il piacere di scrivere e di condividere ciò che mi interessa, mi incuriosisce e mi appassiona. Mi piace trasferire agli altri le ricette della tradizione campana che la mia mamma mi ha lasciato in eredità e quelle nuove che amo preparare per la mia famiglia. Mi appassiona scrivere su tutto ciò che attrae la mia curiosità come argomenti di attualità e argomenti che riguardano il mondo della scuola. Amo anche esplorare luoghi nuovi e affascinanti.