Borse di studio all’estero per i figli, dipendenti pubblici: domanda e scadenza

-
25/10/2018

In arrivo borse di studio per i soli figli di dipendenti pubblici per l’anno scolastico 2019/2020. Di seguito, ulteriori informazioni relative alla scadenza e a come fare domanda.

Borse di studio all’estero per i figli, dipendenti pubblici: domanda e scadenza

Una bella notizia per i dipendenti pubblici e soprattutto per i loro figli che magari hanno nel proprio cassetto il sogno di volare all’estero. Un sogno che può diventare realtà grazie all’INPS che dispone di ben 1.500 posti per studenti del II e III anno della scuola superiore, dando loro delle borse di studio e permettere di fare qualcosa che non è da tutti i giorni.

Ulteriori informazioni

Il bando di concorso è attivo dal 16 ottobre del 2018 e come abbiamo già detto, è stato emanato dall’INPS (ITACA). Il bando prevedere ben 1.500 borse di studio all’estero riservato ai figli e agli orfani dei soli dipendenti o pensionati pubblici iscritti al fondo della gestione unitaria delle prestazioni creditizie e sociali. Quindi, purtroppo, per fare chiarezza, chi ha dei genitori che lavorano nei vari settori dell’ambito privato del lavoro, non possono aspirare a tali borse di studio. Il bando non fa riferimento all’attuale anno scolastico in vigore, ma quindi all’anno scolastico 2019/2020, ed è destinato soltanto agli studenti che nel corrente anno scolastico siano iscritti al secondo o terzo anno della scuola secondaria superiore, frequentandolo, ovviamente. Ma affrettatevi perché tale bando prevede anche una scadenza per poter fare domande per le borse di studio. La domanda la si può fare tranquillamente online, sul sito INPS dal 16 ottobre, mentre la scadenza ricade sul giorno 20 novembre 2018 e con l’orario coincide con le 12:00. Per avere maggiori informazioni in generale e sulle modalità per la presentazione delle domande sono disponibili sempre nel bando.Dipendenti pubblici: borse di studio all’estero per i figli e scadenza


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono