Brexit, in Inghilterra solo chi parla bene l’inglese ed è qualificato

-
23/02/2020

Con la Brexit, sarà possibile vivere in Inghilterrra solo agli europei che conoscono bene l’inglese e ritenuti dei lavoratori brillanti.

Brexit, in Inghilterra solo chi parla bene l’inglese ed è qualificato

Dopo la Brexit, chiunque abbia sempre avuto il desiderio di vivere nel paese della principessa Diana dovrà rinunciare ai suoi sogni: l’Inghilterra, infatti, era diventata una delle mete preferite dagli europei, soprattutto dai giovani italiani, per poter mettere su una carriera ed avere successo, e perché no, anche vivere uno stile di vita medio, senza particolari preoccupazioni. Tutto questo sarà cancellato con l’introduzione della Brexit e le cose sembrano complicarsi ancora di più in futuro. Cerchiamo di capirci meglio di seguito.

Dopo la Brexit in Inghilterra solo chi parla bene l’inglese ed è qualificato

L’Inghilterra era diventato il classico sogno tutto italiano in cui un ragazzo o una ragazza era a disposto/a a svolgere il lavoro di cameriere solo per poter apprendere una lingua nuova e per vivere da soli senza particolari  preoccupazioni economiche.

Questa atmosfera pacifica, di scambio e di crescita sembra finire e sembra essere irrecuperabile.

Con l’avvento della Brexit sarà introdotto un sistema basato su dei punti il quela dovrà valutare le competenze necessarie per permettere agli europei e non di potersi recare in Inghilterra.

Non è uno scherzo, ma è pura verità: a deciderlo è stato lo stesso premier Boris Johnson, il quale ha dichiarato come tale sistema entrerà in vigore l’anno prossimo, nel 2021.


Leggi anche: Brexit, cosa succederà agli italiani in terra inglese?

Se prima ci si recava in Inghilterra per poter conoscere l’inglese e cercare lavoro, adesso ci si può recare solo se si conosce e si parla fluentemente l’inglese e se si è lavoratori qualificati e brillanti.

Di conseguenza, un secco no sarà rivolto a tutti i lavoratori ritenuti poco qualificati e a coloro che dovranno recarsi in Inghilterra per lavori dalla durata temporanea.

A questo punto sembra lecito chiedersi anche l’ammontare di uno stipendio degli europei definiti brillanti, alla quale sarà permesso di lavorare in Inghilterra: sarà garantito un guadagno superiore a 25.600 sterline all’anno.

Ma questo aspetto, come molti altri, saranno perfezionati nel corso del 2020 ed entrerà in vigore il 1° gennaio 2021.

 

Leggi anche:

Brexit, cosa succederà agli italiani in terra inglese?