Canone Rai la disdetta con raccomandata senza busta, ecco come fare

Come disdire l’abbonamento Canone Rai e come non pagarlo legalmente inviando la dichiarazione sostitutiva di esenzione Canone Rai all’Agenzia delle Entrate.

Dal 22 Dicembre 2015 il Senato ha approvato la Legge di Stabilità 2016 e il Canone RAI ordinario del nuovo importo di Euro 90, si paga in dieci rate mensili tra Gennaio e Ottobre fattura della bolletta dell’energia elettrica.Resta invece invariato il Canone Rai Speciale riservato alle attività commerciali.
Come sappiamo, il Canone RAI ordinario è diretto a chiunque detenga un apparecchio atto od adattabile alla ricezione delle trasmissioni televisive e in una residenza anagrafica.

Gli esentati del Canone Rai

-I soggetti di età pari o superiore a 75 anni con un reddito annuale inferiore a euro 6.713,98;

-Possessori di seconda casa,in quanto pagheranno il Canone RAI nella bolletta dell’energia elettrica della prima casa;

-Militari delle forze armate italianel’esenzione è prevista solo per Ospedali militari, Case del soldato e Sale convegno dei militari delle Forze armate. La detenzione del televisore allinterno di un alloggio privato,anche se situato dentro le strutture militari, non esonera dal pagamento del canone;

-Agenti diplomatici e consolari;

-Rivenditori e riparatori TV.

 

Come non pagare il Canone rai?disdetta canone rai

E’ possibile non pagare il Canone Rai senza finire in prigione. Infatti, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il modello di dichiarazione sostitutiva, relativa al canone di abbonamento alla televisione per uso privato, mediante il quale, esclusivamente il titolare di utenza per la fornitura di energia elettrica per uso domestico residenziale, consapevole delle conseguenze anche penali previste dagli articoli 75 e 76 del medesimo decreto, presenta alternativamente:

 1. Una dichiarazione sostitutiva di non detenzione di un apparecchio televisivo da parte di alcun componente della famiglia anagrafica in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica;

2. Una dichiarazione sostitutiva di non detenzione, da parte di alcun componente della famiglia anagrafica in alcuna delle abitazioni per le quali il dichiarante è titolare di utenza di fornitura di energia elettrica, di un ulteriore apparecchio televisivo rispetto a quello per cui è stata presentata entro il 31 dicembre 2015 una denunzia di cessazione dell’abbonamento radio-televisivo per suggellamento

3. Una dichiarazione sostitutiva che il canone di abbonamento alla televisione per uso privato non deve essere addebitato in alcuna delle utenze elettriche intestate al dichiarante in quanto il canone è dovuto in relazione all’utenza elettrica intestata ad altro componente della stessa famiglia anagrafica, di cui il dichiarante comunica il codice fiscale

4. Una dichiarazione sostitutiva per il venir meno dei presupposti di una dichiarazione sostitutiva di cui ai numeri  1. 2. 3. precedentemente resa.

La dichiarazione sostitutiva può essere presentata dall’erede in relazione all’utenza elettrica intestata transitoriamente ad un soggetto deceduto.
Tale dichiarazione espone a responsabilità penale in caso di falsità o travisamento della verità ed è valida per l’anno in cui è presentata e perde efficacia alla fine dei suddetto periodo di validità; ne consegue che, se non viene reiterata, torna ad operare la presunzione di detenzione, con conseguente addebito nella fattura elettrica.

 

Quando presentarla?

La dichiarazione sostitutiva di non detenzione per avere effetto a partire dal 1° gennaio di un dato anno di riferimento deve essere presentata a partire dal 1° luglio dell’anno precedente ed entro il 31 gennaio dell’anno di riferimento stesso.
La dichiarazione sostitutiva di non detenzione presentata dal 1° febbraio ed entro il 30 giugno di un dato anno di riferimento ha effetto per il canone dovuto per il semestre luglio-dicembre del medesimo anno. Inoltre, essa ha validità annuale e va presentata per ogni anno in cui permane la condizione di non detenzione di alcun apparecchio TV, entro i termini in precedenza indicati. La dichiarazione va presentata annualmente anche dai soggetti che hanno presentato denuncia di cessazione dell’abbonamento, anche per suggellamento.

 La disdetta del Canone Rai in via telematica, i vantaggi:

Il tutto viene svolto on line e in pochi minuti, il plico raccomandato è spedito senza busta. Il tutto ha pieno valore legale ed è un metodo sicuro e incontestabile.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.