Carabiniere, Luigi Capasso,spara alla moglie, poi tiene in ostaggio le due bambine.

Carabiniere di Cisterna di Latina, spara alla moglie, poi prende in ostaggio le due bambine minorenne

Luigi Capasso, carabiniere, residente a Cisterna di Latina, ferisce gravemente la moglie, Antonietta Gargiulo di 39 anni. In seguito, sequestra le loro due bambine di 14 e 8 anni, chiudendosi con loro, dentro casa. Le forze dell’ordine, adesso temono il peggio, per le piccole bambine, considerando che la donna sparata, è in grave situazione all’ospedale San Camillo di Roma.

È successo tutto stamattina, davanti al residence ‘’ Collina Dei Pini’’ a Cisterna di Latina.

Sembrerebbe che i due coniugi, si stavano separando, e l’appuntato dei Carabinieri Luigi Capasso di 44 anni, non riusciva a sopportare l’idea che sua moglie non voleva più stare con lui. L’uomo aspetta la moglie davanti al garage di casa, quando quest’ultima stava per prendere la macchina e andare al lavoro, intorno alle 5 di mattina. Luigi Capasso, rientrava dal lavoro, esattamente dal Comando dei Carabinieri di Velletri.

Come sono andate realmente le cose:

Dopo la millesima lite, con la moglie, prende la pistola d’ordinanza e spara alcuni colpi alla sua coniuge. Dopo l’avvenuto episodio di pura follia, prende le figlie e si barrica dentro casa. Allerta massima e l’equipe condotta dal Colonnello Gabriele Vitagliano, si sta occupando della inquietante situazione. Inizialmente, si pensava che la moglie del militare fosse morta sul colpo, ma notizie dall’ospedale San Camillo, dove è stata trasportata la donna con l’eliambulanza, confermano che sta in gravissime condizioni e che è stata sparata e colpita alla mandibola, all’addome e alla scapola.

Grande paura e tensione adesso per le piccole figlie del militare Luigi Capasso, appuntato carabiniere a Velletri ( Castelli Romani)

L’uomo, sotto shock, che al momento sta chiuso in casa con le figlie minorenne, in forte stato confusionale sta negoziando per la liberazione delle proprie figlie. Una collega del giovane carabiniere, molto professionista sta cercando di convincerlo di lasciare andare le bambini. Per la sicurezza di tutto il palazzo, è stato chiuso il gas, e l’accesso è stato rigorosamente vietato. Non sappiamo ancora grandissime cose, solo che i negoziatori professionisti delle Forze dell’ordine stanno facendo il possibile, per convincere l’uomo di mettere punto a questo incubo.

Il millesimo caso, purtroppo in Italia, speriamo che situazioni simili, non accadono più, e che prima o poi questa violenza sulle donne avrà un fine.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.