Caschi da bicicletta richiamati dal commercio ecco di cosa si tratta

-
11/11/2018

Caschi da bicicletta richiamati dal commercio, ecco il motivo

Caschi da bicicletta richiamati dal commercio ecco di cosa si tratta

La grande azienda Lazer, ha disposto il richiamo urgente di alcuni caschi da bicicletta, vediamo insieme nello specifico di cosa si tratta.

Caschi da bicicletta richiamati

La famosa società Lazer Sport NV, ha già disposto il richiamo immediato di alcuni caschi da bicicletta. In poche parole si tratta dei modelli ‘’Blade’’, ‘’Elle’’, ‘’Magma’’ e ‘’Jade’’. Si informa la gentile clientela che i caschi sopra indicati non devono essere assolutamente indossati e bisogna riportarli indietro al punto vendita d’acquisto, dove sarà fatto il rimborso, oppure saranno sostituiti. Il motivo del richiamo dei caschi da bicicletta riguarda la sicurezza dei ciclisti, in pratica, i caschi interessati sembra che non hanno superato il test di resistenza allo scalzamento previsto dalle norme CE. Per questo motivo, il richiamo è totalmente giustificato, la pericolosità dei caschi consiste nel fatto che durante l’impatto, l’ancoraggio del cinturino potrebbe cedere e staccarsi dal casco.

Leggi anche: Pagati per andare al lavoro in bici: 25 cent al Km, ecco dove

caschi da biciclettaSembra che finora non è stato registrato nessun tipo di incidente per colpa dei caschi da bicicletta sopra elencati, e l’azienda Lazer Sport NV, non ha ricevuto nessuna segnalazione di alcun incidente. Per la sicurezza delle persone, il richiamo è stato fatto a scopo precauzionale, perché i prodotti interessati non soddisfano le norme CE. L’azienda stessa è stata d’accordo con la decisione di richiamo dei caschi da bicicletta. Nello specifico, i caschi da bicicletta interessati, all’interno hanno un adesivo bianco, con il seguente codice indicativo LZB-08 OPPRE lZB-18.

Leggi anche: Ciclista multato per eccesso di velocità, era più veloce dei pedoni, ecco dove

I prodotti interessati sono stati già venditi in quantità elevati e in una varietà di colori. Giovanni D’Agata, il presidente dello ‘’Sportello dei Diritti’’, fa un appello a tutte le persone che hanno acquistato questi modelli di caschi, di non indossarli assolutamente perché potrebbero essere a rischio incidente. Inoltre il presidente, avvisa che sarà possibile avere indietro il rimborso del prodotto, oppure la sostituzione.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus