Cena indigesta per 50 leghisti, tentativo di avvelenamento o uno scherzo? Ecco cos’è successo

La cena di sezione organizzata dal Carroccio di Zero Branco nello stand della Festa del radicchio è finita in una specie di ‘’strage’’. Problemi intestinali per gli uomini del Carraccio, doveva essere una cena in compagnia invece è finita proprio male.

Cena indigesta per i leghisti

Oltre ai militanti locali, venerdi scorso alla cena si trovavano anche gli esponenti della Lega, una serata in compagnia si è trasformata in un incubo per la maggior parte dei partecipanti. Forti crampi allo stomaco, e poi un’intera notte da incubo per un gruppo di leghisti. Sembra che si tratti di una forte intossicazione alimentare, ma la cosa strana è che nessun altro a parte i leghisti hanno accusato questi disturbi intestinali. Di conseguenza, sorge spontanea la domanda: sono stati avvelenati?

Si potrebbe pensare che qualcuno abbia messo di nascosto qualche lassativo nel cibo destinato agli esponenti della Lega? Gli uomini del Carraccio hanno dovuto passare la notte in bagno, accusando forti crampi e problemi intestinali. Ovviamente la Pro Loco di zero Branco smentisce questa ipotesi, ma rimane comunque il sospetto, considerando che solo i leghisti si sono sentiti male all’improvviso subito dopo la cena.

Una notte da incubo per i leghisti

Tra i leghisti presenti alla cena si trovavano anche alcuni assessori provinciali e regionali, infatti Stefano Marcon, presente alla cena ha dichiarato: “Sono un benpensante e non vorrei farmi sfiorare dall’idea che qualcuno abbia voluto farci uno scherzo di dubbio gusto. Però non si può nemmeno escludere”.  

Ancora tutto un mistero su quello che è successo venerdi scorso, ma una cosa è certa: una notte di vero incubo per tutti i leghisti. Per fortuna è finito tutto dopo un giorno, i forti crampi allo stomaco sono andati via e anche i problemi intestinali. Ci riesce difficile credere che non sia stata fatta una cosa intenzionalmente per fargli sentire male, e molto probabilmente si tratta di un avvelenamento, cosi come sostengono anche i leghisti.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.