Centri estivi: quanto costa i figli dopo la fine della scuola?

-
11/06/2019

Con la fine della scuola i bambini frequentano i centri estivi che hanno dei costi proibitivi per le famiglie.

Centri estivi: quanto costa i figli dopo la fine della scuola?

Con la fine della scuola la preoccupazione di tutti i genitori che lavorano è quella di organizzare la giornate dei propri figli mentre loro sono al lavoro in attesa delle ferie. Sono moltissimi i bambini e i ragazzi che frequentano i centri estivi, da quelli che organizzano corsi d’arte a quelli che organizzano i corsi di lingua ma la costante per tutti sono i prezzi insostenibili per i poveri genitori.

Centri estivi, costi proibitivi per le famiglie

Il monitoraggio effettuato dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori evidenzia un aumento dei prezzi dei centri estivi rispetto al 2018 con costi medi settimanali di 168 euro per centri estivi privati in intera giornata, e 96 euro per i ragazzi che lo frequentano mezza giornata, ovvero fino alle 14:00. Con pranzo al sacco e merenda portata da casa il costo della giornata scende a  74 euro a bambino.

Il costo nelle strutture pubbliche invece è mediamente di 50 euro per metà giornata e di 81 euro a settimana per la giornata intera.

Quali differenze tra pubblico e privato?  Le strutture pubbliche per lo più sono istituti scolastici che poco offrono ai ragazzi a parte un paio di uscite settimanali in piscina (le cui spese a volte sono a carico della famiglia).


Leggi anche: INAIL, i minimali e i massimali retributivi del 2021 restano invariati

Si tratta di costi proibitivi per una famiglia di lavoratori che oscillano mensilmente nelle seguenti cifre:

  • 672,00 Euro mensili per ogni bambino o ragazzo che frequenta strutture private
  • 324,00 Euro per chi frequenta quelle pubbliche.