Crollo dei matrimoni in Italia, ecco i risultati ISTAT

-
08/09/2018

L’Italia cambia anche nei matrimoni, se prima vi erano più sposati che single, adesso la situazione sembra essersi rovesciata.

Crollo dei matrimoni in Italia, ecco i risultati ISTAT

Un’Italia che cambia e che lo fa soprattutto nel sociale, a partire dai matrimoni che non sono più gli stessi. I dati riportano che l’Italia di oggi è un paese con pochi matrimoni e con invece più single. Un quadro che non rispecchia quello del passato. A rendere noto i seguenti risultati è il centro ISTAT, l’istituto nazionale di statistica italiano, che ha fotografato la realtà sentimentale degli italiani di oggi.

Non ci sono più i matrimoni di una volta

Secondo l’Istat, nel primo gennaio 2018, gli italiani uniti civilmente erano circa 13.300, quindi cierca lo 0,02% della popolazione. Nel 68,3% dei casi si trattava per lo più di matrimoni civili tra uomini, tra l’altro più frequenti nelle grandi città. Esempio? uno su quattro si celebra infatti a Milano, Roma o Torino. Altro dato riportato dall’ISTAT tra il 1991 e il 2018 sono crollati i matrimoni, soprattutto nella classe di età 25-34 anni, mentre, di conseguenza sono aumentati i divorziati.

La nuova realtà italiana: le unioni civili

Gli uniti civilmente in matrimonio sono coloro che posseggono un’età media di 49,5 anni per gli uomini e di 45,9 anni per le donne risiedono per lo più al Nord (56,8%) e al Centro (31,5%). In Italia, a partire da luglio 2016 e fino al 31 dicembre 2017 ,tenendo conto che la legge Cirinnà è del giugno 2016, sono state costituite nel complesso 6.712 unioni che hanno riguardato prevalentemente coppie di uomini (4.682 unioni, il 69,8% del totale).


Leggi anche: Matrimonio: ecco quanto costa dire SI nel 2018

unionicivili162

L’Italia è sempre più single, in calo i matrimoni

L’Istat rileva anche un forte calo dei matrimoni mentre vi è un grande aumento dei divorzi. Non solo diminuiscono i matrimoni, ma addirittura vengono posticipati e questa situazione ha portato tra il 1991 e il 2018 a un forte calo dei coniugati, soprattutto nella classe di età 25-34 anni. Altro grande dato ISTAT è per quelle persone che hanno l’età tra i 45-54 anni, in questa fascia quasi un uomo su quattro non si è mai sposato mentre è nubile quasi il 18% delle donne. Aumentano in tutte le età divorziati e divorziate, più che quadruplicati dal 1991, principalmente nella classe 55-64 anni.

C_2_articolo_3151440_upiImagepp

leggi anche : Le origini della leggenda del filo rosso, da sempre simbolo degli amanti