Domanda di pensione accettata se mi licenzio perdo qualcosa?

-
17/08/2020

Domanda di pensione accettata, ma se mi licenzio prima rischio qualcosa? La risposta è positiva, il rischio è previsto nel Codice Civile, ecco di cosa si tratta.

Domanda di pensione accettata se mi licenzio perdo qualcosa?

Sulla domanda di pensione e cosa fare per uscire prima dal lavoro, tanti i dubbi e ci arrivano molte richiese dai lettori che ci chiedono cosa fare. Nello specifico un nostro lettore ci chiede se può licenziarsi prima del periodo prefissato per l’accesso alla pensione. Bisogna precisare che i rapporti di lavoro sono regolati dai contratti nazionali collettivi CCNL in base al settore lavativo e dal Codice Civile del lavoro. Analizziamo il quesito della nostra lettrice, ricordiamo a tutti i lettori che abbiamo racchiuso tutti i nostri quesiti, le leggi e le nuove riforme nella rubrica: pensioni news, quindi, è possibile trovare la risposta alla vostra domanda sfogliando la nostra rubrica. 

Domanda di pensione accettata possono licenziarmi prima?

Grazie per la risposta precedente: Riforma pensione Quota 100: requisiti e cumulo contributivo, ultimissime news, ora avrei un nuovo quesito per lei. Ho inviato richiesta per opzione donna tramite patronato e ho avuto conferma che è stata accettata. Quindi, dal primo novembre sono in pensione. Io sto ancora lavorando, se decidessi di interrompere prima a cosa andrei incontro? Il mio datore di lavoro è da gennaio che sa che ho intenzione di interrompere il mio rapporto di lavoro. Sono 15 anni che lavoro in questa azienda. Ringrazio fin da ora per l’eventuale risposta


Leggi anche: INAIL, i minimali e i massimali retributivi del 2021 restano invariati

La risposta nel Codice Civile

Lei per fare richiesta di pensionamento ha dovuto comunicare la data di preavviso di licenziamento per pensionamento anticipato con Opzione donna al datore di lavoro. Le conseguenze di un mancato rispetto di tale termine sono previste dall’articolo 2118 del Codice Civile. Il datore di lavoro potrebbe chiedere un’indennità per il mancato rispetto del preavviso pari all’importo della retribuzione non lavorata nel periodo di preavviso. 

Le consiglio di verificare il suo contratto di categoria. 

In riferimento alla pensione con Opzione donna se ha maturato tutti i requisiti non perde nulla, nel senso che le verranno inseriti nel calcolo i contributi finchè ha lavorato. Il problema è il periodo di preavviso che è utile al datore di lavoro per sostituire la lavoratrice che verrà meno e formarla in tempo utile per non trovarsi un posto vacante. Il solo sapere che lei vuole lasciare prima il posto di lavoro non è sufficiente. Dipende, molto anche dal rapporto del datore di lavoro con il lavoratore. 


Potrebbe interessarti: Pensioni anticipate dai 64 anni: dalla Corte dei Conti stop a quota 100, favorevole a un’opzione di riequilibrio