Due maestre e una fiaba della buonanotte su WhatsApp agli studenti durante la quarantena

-
23/03/2020

Due maestre di Genova hanno pensato di leggere tramite WhatsApp delle fiabe inviate ogni sera ai loro piccoli studenti. Davvero una bella iniziativa.

Due maestre e una fiaba della buonanotte su WhatsApp agli studenti durante la quarantena

Durante la quarantena di questi giorni ognuno come può cerca di intrattenersi e di intrattenere gli altri, compito piuttosto arduo se si tratta di bambini. Questi, dopo giochi, film e cartoni animati, iniziano infatti a scocciarsi e da lì cominciano i capricci non proprio facili da gestire da parte dei poveri genitori che non sanno che inventarsi più. Dall’altra parte anche la scuola cerca di dare loro una mano attraverso le lezioni online o con i compiti che vengono assegnati sulle piattaforme, ma delle volte sembra non bastare. Una splendida idea è venuta a due maestre di Genova che hanno pensato bene di racconatare una fiaba ai loro studenti per ogni sera utilizzando come canale di comunicazione WhatsApp. Sicuramente un modo per intrattenerli, ma anche per stare il più vicino possibile a loro.

Due maestre di Genova raccontano una fiaba ogni sera ai loro studenti su WhatsApp

Le maestre in questione sono Maura e Paola Griggi due sorelle che seguono gli insegnamenti di Maria Montessori e che insegnano presso una scuola d’infanzia del comune.

Come detto sopra, il canale di trasmissione è WhatsApp con la quale le due insegnanti ogni sera stanno vicine ai loro piccoli studenti raccontando loro una fiaba diversa.

Le due maestre si mettono a lavoro per registrare un video in cui raccontano una storia per poi inviarlo ad un genitore che a sua volta lo invierà ad altri.

Ai bambini, inoltre, viene chiesto di fare dei disegni e una riflessione legati alla storia ascoltata la sera prima.

Questi due lavori verranno fotografati dai genitori che li invieranno alle due maestre sempre su WhatsApp.


Leggi anche: Pensioni anticipate e Legge di bilancio 2021: si punta al contratto di espansione oltre ad APE sociale e Opzione Donna

Si tratta davvero di una bellissima iniziativa, una parentesi giocosa e creativa dalle solite lezioni online o dai soliti assegni tramandati su WhatsApp o vari registri elettronici.

Speriamo che sempre più docenti facciano lo stesso variando magari nel contenuto.

 

Leggi anche:

Scuola: operatori telefonici regalano giga a insegnanti e studenti