E’ stalking se la/o chiamo? Cerco ancora la mia o il mio ex

-
12/05/2019

Se cerco di sentire di nuovo la mia o il mio ex attraverso chiamate e messaggi sono imputabile per il reato di stalking? Vediamo cosa ne dice la Cassazione.

E’ stalking se la/o chiamo? Cerco ancora la mia o il mio ex

Può capitare nella vita di coppia di essere lasciati dal proprio partner anche dopo tanto tempo, è il ciclo della vita, purtroppo. Eppure, spesso e volentieri, non sempre chi viene lasciato riesce a trovare la forza di abbandonare del tutto il suo ex ormai partner e perciò si continua con i messaggi e con le chiamate, anche con la speranza di riuscire a ritornare insieme. Ma attenzione: ci troviamo in una società dove anche per la minima sciocchezza si viene denunciati anche per reati di cui non si sapeva l’esistenza. Quindi, la domanda è questa: se messaggio e chiamo ancora la mia o il mio ex è davvero stalking? Di recente, un caso del genere è stato trattato dalla Cassazione, dove vediamo un ragazzo intento a ritornare con la propria ragazza, ad chiamarla più volte e a inviarle dei messaggi, nonostante la ragazza non voglia tornare sui suoi passi. Vediamo com’è andata a finire.

Telefonare assillantemente qualcuno è stalking?

No, non è lo stalking, ma è comunque un reato seppur meno grave. Il suo nome è reato di molestie, ed è previsto dall’articolo 660 del codice penale il quale prevede, per questo comportamento, l’arresto fino a sei mesi o l’ammenda fino a 516 euro.

Molto più difficile è stabilire il confine tra la molestia o la semplice voglia di sentire qualcuno, anche se più volte a settimana o nella giornata. In passato, anche con poche telefonate si arrivava al reato di molestie. Qual è, quindi, il criterio per definire il reato? Tale criterio ha il nome di petulanza, e sarebbe il ripetere più volte il comportamento nonostante l’aver già compreso che, dall’altra parte, non c’è alcuna volontà di “stabilire un contatto”. Quindi, il reato consiste nel fatto che il soggetto B non tiene conto della volontà del soggetto A di non voler alcun genere di rapporto o contatto.


Leggi anche: Lotteria degli scontrini 2021 in partenza il 1° febbraio: registrazione per partecipare, cos’è e cosa si vince, le regole dell’Agenzia delle Entrate

Ma nel caso di cui vi abbiamo parlato sopra, il soggetto B, il fidanzato, è stato assolto da tale reato.

Perché il fidanzato non può essere accusato di molestie o stalking?

L’oggetto della faida sono in realtà ben 15 sms, tra cui ne sono stati ritrovati due di natura offensiva rivolti alla ragazza, che però sono stati inviati in più di due mesi, con lo scopo di ritornare tra le sue braccia. Quindi, la Corte ha escluso la condanna per molestie dato che non c’era la volontà di dare noia e fastidio all’ex. Quindi, non c’è petulanza, e nemmeno l’intenzione di infastidire o disturbare l’ex. Diciamo, è normale che dopo essere stato scaricato, lui cerchi di risentirla e di farla ragionare. Dall’altra parte, la donna non ha nemmeno attivato il sistema di blocco, ormai onnipresente, per evitare di ricevere dall’ex messaggi.

Lui è geloso di lei, è una colpa?

La Corte non ha potuto non commentare il comportamento dell’imputato, ritenendo che esso “si colloca nella fase di cessazione di una relazione personale in cui la persona offesa aveva continuato a ricevere i messaggi e le telefonate dell’ex fidanzato, senza attivare sul proprio apparecchio cellulare alcun sistema di blocco dei messaggi provenienti da quella determinata utenza”. Per quanto riguarda poi i 15 messaggi, solo due sono di natura offensiva mentre gli altri sono “mera manifestazione di gelosia verso i nuovi frequentatori della donna”. Quindi, ancora una volta, sarebbe una situazione normale, vista e rivista.

Allora quando le telefonate sono segno di stalking?

Questo non ha nulla a che vedere con lo stalking, il che invece prevede l’uso del cellulare e delle chiamate su di esso effettuate. Ma la differenza con il caso di prima è che nel reato di stalking le telefonato dovrebbero essere insistenti al punto che chi le riceve può davvero iniziare a preoccuparsi seriamente, arrivando a cambiare le proprie abitudini di vita come anche il numero di cellulare. Quindi, si può definire stalking solo se tali chiamate, che possono essere 14 ma anche 100, portino il destinatario a cambiare totalmente la sua vita.


Potrebbe interessarti: Cashback 2021: come funziona il rimborso massimo e la classifica dell’App IO per il premio extra da 1500 euro