Egiziano arrestato a Foggia: Accusato di terrorismo internazionale

-
27/03/2018

Uomo italiano di origine egiziane, arrestato a Foggia, ecco perché

Egiziano arrestato a Foggia: Accusato di terrorismo internazionale

Presidente dell’associazione culturale islamica ‘’ Al Dawa’’, Abdel Rahman Mohy Eldin Mostafa Omer, insegna il concetto di guerra santa ai bambini.

Viene subito arrestato e accusato di aver fatto violenza psicologica con un gruppo di bambini.

La domanda, sorge spontanea: affiliato all’Isis?

L’uomo di origine egiziano, 59 anni,sposato con una donna di 79 anni, viene arrestato e accusato di aver insegnato a una decina di ragazzini che l’unico modo per ottenere il Paradiso, era combattere e morire in guerra.

Messo subito sotto sequestro, il centro culturale dell’egiziano.

L’operazione ‘’bad teacher’’, mette fine ad un incubo. Per 10 bambini, finisce qui l’insegnamento crudele di Abdel Rahman. I ragazzini, venivano fortemente istigati alla violenza. Il presidente del centro culturale, faceva il lavaggio del cervello con alcuni bambini, indottrinati con concetti di guerra molto crudele. “Vi invito a combattere i miscredenti, con le vostre spade tagliate le loro teste, con le vostre cinture esplosive fate saltare in aria le loro teste. Occorre rompere i crani dei miscredenti e bere il loro sangue per ottenere la vittoria”, diceva l’affiliato all’ isis ai bambini.

Le sue lezioni, sono state ascoltate per mesi. L’operazione è scattata anche perché sono state pubblicate proprio dal ‘’insegnante di guerra’’ dei video e delle foto sui social network, con istruzioni su come costruire le arme vere e proprie.

Dopo indagini approfondite, la polizia trova una certa discrepanza fra le disponibilità economiche e i redditi dichiarati, dai due coniugi.

Dal materiale sequestrato, si scopre che era in stretto contatto con gli organismi ufficiali di informazione dell’ isis. Video con i bambini arruolati per l’organizzazione .

L’uomo considerato molto pericoloso, era in possesso di molto materiale, sufficiente per far capire che si tratta di un vero e proprio terrorista.

Sotto sequestro beni per un valore di 370 mila euro.

Il centro culturale, veniva utilizzato come moschea, qui il presidente egiziano insegnava ai bambini, che devono distruggere le chiese e trasformarle in moschee.


Leggi anche: Censis, il rapporto del 2020 su consumi, ricchezza, società e sussidi di welfare: l’effetto del coronavirus

Procura Distrettuale di Bari, conferma che quello che teneva lezioni di religione ai bambini, fa parte dell’ isis.

Bari Giuseppe Volpe, dispone un immediato un controllo dei bambini, sottoposti a questa violenza psicologica, ancora non abbiamo novità, per quanto riguarda le condizioni psicologiche dei bambini