Esame di Maturità 2019: prove scritte, data e svolgimento

Avevamo parlato in un precedente articolo delle novità che riguardavano il nuovo esame di Maturità 2019. In questo articolo entreremo nello specifico per quanto riguarda le due prove scritte che da tre passano a due.

Prima prova scritta: Italiano

La prima prova scritta, fissata per il 19 giugno, serve ad accertare la padronanza della lingua italiana ma anche le capacità critiche ed espressive degli studenti.
L’elaborato che gli studenti dovranno produrre dovrà essere scelto tra 7 tracce riferite a 3 tipologie di prove in ambito artistico, letterario, filosofico, scientifico, storico, sociale, economico e tecnologico.
Le tre tipologie di prove saranno:

  • tipologia A (due tracce) – analisi del testo: la novità principale riguarda il numero di tracce proposte: gli autori saranno due, anziché uno come accadeva fino ad ora. Potranno essere proposti testi letterari dall’Unità d’Italia a oggi.
  • tipologia B (tre tracce) – analisi e produzione di un testo argomentativo: proporrà ai maturandi un singolo testo compiuto o un estratto da un testo più ampio, chiedendone l’interpretazione seguita da una riflessione dello studente
  • tipologia C (due tracce) – riflessione critica di carattere espositivo-argomentativo su tematiche di attualità: proporrà problematiche vicine all’orizzonte delle esperienze di studentesse e studenti e potrà essere accompagnata da un breve testo di appoggio che fornisca ulteriori spunti di riflessione.

Seconda prova scritta

La seconda prova scritta, quella delle discipline che caratterizzano i percorsi di studi, è fissata per il 20 giugno.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.