Esami di terza media, cosa accadrà? Tutte le ipotesi

-
29/03/2020

Come verranno organizzati gli esami di terza media? Potranno mai essere annullati? Quali sono i possibili scenari ed ipotesi?

Esami di terza media, cosa accadrà? Tutte le ipotesi

A trovarsi in difficoltà non sono solo tutti gli studenti che dovranno affrontare la maturità 2020, ma anche tutti coloro che dovranno svolgere gli esami di terza media. La ministra Azzolina tempo fa parlò del 6 politico e di come lo vietasse severamente, cosa che riguarda non solo gli studenti delle scuole superiori, ma anche delle medie. Comunque sia, se ci sono tante incertezze, dubbi e preoccupazioni per la maturità, le stesse si presentano anche per gli esami di terza media. Infatti, ci si chiede: verranno annullanti? Saranno svolti nei mesi di luglio e agosto? Alcune prove saranno tolte? Resterà solo l’esame orale? Sul web girano alcune ipotesi che abbiamo pensato di riportare.

Cosa accadrà agli esami di terza media? Il web fa le sue ipotesi

Se per la ministra Lucia Azzolina il 6 politico non esiste, significa che tutti gli studenti dovranno comunque impegnarsi con la didattica a distanza.

Infatti, anche queste lezioni fatte online saranno argomenti di esami come una qualsiasi lezione frontale.

Pertanto, per la ministra non ci sono scuse: pretende il massimo dagli studenti anche in questi casi dato che, come dice lei, c’è pur sempre il modo di fare scuola.

Per quanto riguarda gli esami di terza media, invece, la ministra non vuole sbilanciarsi, anche perché è ancora incerta la data di riapertura delle scuole.

Non è stato ancora approvato alcun piano B, anche se le ipotesi in merito sono molte.


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono

Iniziamo da quella classica, ovvero la possibile eliminazione di tutte le prove scritte, che non possono essere svolte sotto lo sguardo vigile dei professori.

Di conseguenza, si parla del solo svolgimento dell’esame orale. Se così fosse, poi, l’esame non verterebbe solo sugli argomenti della tesina ma su più argomenti trattati durante le lezioni.

Altra ipotesi è quello del solo ed unico svolgimento del tema di italiano per poi ritornare a scuola solo ed esclusivamente per l’esame orale con la tesina pronta.

Altro scenario possibile è quello di ritornare a scuola ma di pomeriggio così da poter completare i programmi per gli esami, senza che alcuna prova venga abolita.

Legata a questo scenario c’è anche l’ipotesi di iniziare qualche settimana dopo gli esami così da permettere agli studenti di prepararsi meglio e recuperare i programmi appena finiti.

Infine, si è anche ipotizzato ad esami in via online la cui struttura ed organizzazione sono ancora incerti e impensabili.

Sicuramente non è volontà della ministra eliminare gli esami di terza media. Pertanto, aspettiamo ulteriori informazioni e aggiornamenti nelle prossime settimane.

 

Leggi anche:

Scuola, Azzolina garantisce la validità dell’anno scolastico