Esami maturità 2018, due cose che NON succederanno: occhio a non cadere nelle bufale

Esami maturità 2018, due cose che NON succederanno: occhio a non cadere nelle bufale

Stanno per iniziare ufficialmente gli esami di maturità 2018: domani, mercoledì 20 giugno 2018, si terrà la prima prova di maturità, il tema di italiano. Soprattutto in queste ultime ore tra gli studenti, non si parla d’altro: “la paura fa 90 si dice”, e molti sarebbero pronti a firmare ora per quel voto alla maturità! Ma attenzione perché proprio in queste ore concitate prima degli esami di maturità, si intensificano fake news, bufale e truffe a danno degli studenti. Nella foga del momento una notizia, anche se non fondata, fa presto a diventare virale scatenando paure e seminando il panico.

Toto tema: si possono comprare le tracce su internet?

Come ogni anno, in vista della prima prova degli esami di maturità, impazza il toto tema. Ma un conto è fare ipotesi sulle tracce più papabili secondo un’analisi statistica di quelle che sono uscite negli anni passati e riflettendo sui temi di attualità più discussi, altro è aspettarsi le tracce sicure, provenienti dall’Australia o da qualche talpa del Ministero dell’Istruzione.

Ormai è il decimo anno che la Polizia Postale promuove la campagna “Maturità al sicuro” per sensibilizzare i ragazzi alle prese con la maturità a prestare attenzione alle bufale e alle truffe su internet.
Non si tratta di un fenomeno marginale: nonostante la massiccia campagna di sensibilizzazione, anche per la maturità 2018 uno studente su cinque è convinto di poter trovare le tracce in anticipo sul web e purtroppo c’è chi paga per falsi titoli.


Leggi anche: Prima prova esame maturità 2018, toto-tema: aggiornamenti sulle tracce papabili e quelle escluse

Tecnologia agli esami di maturità: dal telefono al metal detector, controlli e falsi miti

Che non sia permesso copiare durante le prove di esame di maturità è palese, ma quali controlli possono subire gli studenti alle prese con gli esami? E’ vero che le commissioni sono dotate di metal detector e che gli studenti potranno essere perquisiti? C’è perfino un 18% dei maturandi che pensa che la scuola sarà schermata per impedire l’accesso alla rete internet durante lo svolgimento delle prove di esame.

traccia-maturita

Facciamo l’in bocca al lupo a tutti gli studenti sperando che possano trascorrere la notte prima degli esami in maniera serena e rilassata senza farsi prendere dal panico e senza cadere in queste bufale e fake news.