Ezio Greggio e il gesto per Liliana Segre: ricordiamo anche i 15mila bambini che ha salvato in silenzio

-
26/11/2019

Ezio Greggio, il comico italiano che nasconde una faccia di UOMO VERO: rinuncia alla cittadinanza onoraria e salva la vita a 15mila bambini.

Ezio Greggio e il gesto per Liliana Segre: ricordiamo anche i 15mila bambini che ha salvato in silenzio

Lo abbiamo sempre visto come un comico che su Striscia La Notizia ironizza, ogni sera, sull’attualità italiana, ma in realtà Ezio Greggio nasconde una faccia che non molti conoscono e che ha dimostrato, proprio in questi giorni con la rinuncia alla cittadinanza onoraria di Biella poichè il comune in questione, a guida leghista, ha rifiutato una settimana fa la cittadinanza onoraria alla senatrice Liliana Segre che da due settimane è costretta a girare sotto scorta per le minacce ricevute in rete.

La cittadinanza onoraria della Segre era stata proposta poichè la senatrice oltre ad essere interprete di valori e giustizia è una sopravvissuta, oltre che testimone, dell’Olocausto. La proposta è stata definita “strumentale” non solo dalla Lega ma anche da Fratelli d’Italia.

Rinuncia alla cittadinanza onoraria

Ezio Greggio spiega la sua scelta con le seguenti parole “Il mio rispetto nei confronti della senatrice Liliana Segre, per tutto ciò che rappresenta, per la storia, i ricordi e il valore della memoria, mi spingono a fare un passo indietro e a non poter accettare questa onorificenza che il Comune di Biella aveva pensato per me”. L’attore comico precisa, però che “Non è una scelta contro nessuno ma una scelta a favore di qualcuno, anche per coerenza e rispetto a quelli che sono i miei valori, la storia della mia famiglia e a mio padre che ha trascorso diversi anni nei campi di concentramento”


Leggi anche: Partite IVA, verso secondo acconto delle tasse anche a rate con l’ok dell’ISTAT 

15000 bambini salvati in silenzio

Ma Ezio Greggio non è soltanto questo. L’attore in quasi 25 anni ha salvato la vita, in silenzio a circa 15mila bambini grazie alla sua “Associazione Ezio Greggio” che dal 1995 si occupa di Assistenza pediatrica.

Il tutto nasce con Gabriele, il figlio di Ezio Greggio. In bambino alla nascita ha avuto bisogno della terapia intensiva per aver ingerito liquido amniotico e anche se non è in pericolo di vita fa scoprire a papà Ezio un mondo che non conosceva, quello della Neonatologia dove ogni giorno medici e infermiere salvano la vita a centinaia di bambini nati prematuri.

Ezio si informa su quello che può fare per aiutare e il professor Rondini gli dice che servono incubatrici.

Fonda l’associazione coinvolgendo amici, parenti e colleghi e destina i fondi dei suoi libri all’acquisto delle incubatrici (che hanno un costo che varia dai 40 ai 70mila euro). In quasi 25 anni Ezio Greggio ha contribuito a salvare oltre 15mila bambini donando con l’associazione incubatrici in 70 ospedali italiani.

Ezio Greggio, quindi, ha dimostrato di essere una persona altruista e generosa e anche se non è Liliana Segre, anche se è un attore del calibro di Troisi o Alberto Sordi, ha dimostrato di meritare l’onorificenza dell’Uomo, quello Vero.