Farmaci e salute: il paracetamolo è davvero pericoloso per il fegato?

-
17/10/2018

I risultati di un nuovo studio mettono in guardia sull’uso del paracetamolo. Il farmaco, infatti, sembrerebbe causare seri danni al fegato.

Farmaci e salute: il paracetamolo è davvero pericoloso per il fegato?

I risultati di un nuovo studio mettono in guardia sull’uso del paracetamolo. Farmaci del genere, infatti, sembrerebbero causare seri danni al fegato.

Studio sul paracetamolo

Farmaci e salute: il paracetamolo è davvero pericoloso per il fegato?

I farmaci a base di paracetamolo sono quasi sempre utilizzati in caso di dolore, febbre e altri problemi in cui si presenti la necessità di assumere un analgesico.

Come ogni tipo di farmaco, anche questo non è esente da effetti collaterali. Alcuni di questi possono rivelarsi anche gravi, come dimostra un recente studio sul paracetamolo.

I ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore hanno scoperto un ulteriore modo in cui il prodotto di degradazione del farmaco influisce sulle proteine ​​del fegato, causando un’insufficienza epatica acuta.

Il paracetamolo si converte nel fegato in un nuovo composto, un amminoacido chiamato cisteina. Questo si lega in modo covalente alle proteine, compromettendo l’attività dei mitocondri, ovvero i fornitori di energia cellulare.

Insufficienza epatica acuta


Leggi anche: Bonus ristorazione (Mipaaf) Covid e fondo per la filiera: arriva la proroga al 15/12, ecco le istruzioni con i codici Ateco

Durante la ricerca, il dottor James Chun Yip Chan e i suoi colleghi hanno esaminato la glutationilazione. Questo è il processo con cui il glutatione in forma libera si lega ad alcune proteine dell’organismo, modificandone la struttura.

Farmaci e salute: il paracetamolo è davvero pericoloso per il fegato?

Nello specifico l’equipe di ricercatori ha esaminato una modifica post-traduzionale apportata ai residui di cisteina in risposta alla tossicità del paracetamolo. Durante la ricerca è stato riscontrato un nuovo approccio proteomico per isolare e identificare le proteine ​​glutationilate e applicarlo alle cellule trattate con l’acetaminofene. In questo modo, le analisi condotte hanno permesso di scoprire che un prodotto di degradazione del paracetamolo può causare la glutationilazione, provocando seri danni al fegato.

Salute a rischio con paracetamolo?

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista “Molecular & Cellular Proteomics” e rivelano che il glutatione viene aggiunto ai residui di cisteina per proteggerli dai danni dell’ossigeno in condizioni di stress. La modifica apportata dal farmaco porta a una disfunzione metabolica e ad altri effetti legati alla tossicità del paracetamolo. Gli esperti avvertono, quindi, di non abusarne e, nel caso si debba assumere per più tempo, consultare il proprio medico.