Febbre West Nile: i donatori di sangue possono essere considerati sicuri?

West Nile, preoccupazione per chi deve fare una trasfusione di sangue. I medici, però, assicurano che non ci sia nessuno rischio.

La febbre West Nile continua a preoccupare anche il mondo delle donazioni di sangue. Da giugno scorso sono state registrati ben 365 casi di febbre West Nile e, tra tutte queste persone, ci sono anche 48 donatori di sangue.

Purtroppo sono state registrati casi di infezione tra i donatori di sangue in più regioni.

Scoperti 6 casi a Bologna, 8 a Ferrara, 2 a Forlì-Cesena, 3 a Ravenna, 7 a Modena e un caso a Reggio.

Gli altri casi di donatori di sangue contagiati sono stati registrati in Veneto, Friuli, Piemonte e Lombardia. Grande preoccupazione per chi ha bisogno di una trasfusione di sangue.

west nile e i donatori di sangueIn tanti si chiedono se è possibile prendere l’infezione West Nile durante una trasfusione di sangue. Alcuni esperti sostengono che il rischio di contagio in questo caso è praticamente impossibile, perché il sangue prima della trasfusione viene accuratamente controllato e purificato.

E’ importante sapere che nell’ 80% dei casi la malattia si presenta e se ne va in maniera asintomatica.

I controlli da parte dell’associazione di volontariato mirano a verificare ogni singola goccia di sangue dei donatori. Il rischio sarebbe che si presenti una persona a donare il sangue, non sapendo di essere infetta da West Nile.

Florio Ghinelli, infettivologo e direttore sanitario dell’Avis di Ferrara, dichiara che il sangue destinato a finire in tutti gli ospedali è accuratamente controllato e che non c’è nessun pericolo di contrarre l’infezione. Inoltre aggiunge: “Dalla fine di giugno, quando cioè sono state individuate le prime zanzare positive, facciamo i test su tutte le sacche. I controlli sono molto precisi e quindi possiamo garantire la sicurezza di ogni singola goccia di sangue”. La paura rimane tanta e chi deve subire una trasfusione di sangue è comunque scettico riguardo il sangue che gli viene donato.

Leggi anche:
Allarme West Nile: ecco cosa succede in Italia.

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.