Fine del mondo e profezia di Ezechiele: le novità

-
01/07/2019

Le ultime novità sulla correlazione dei pesci del Mar Morto, la fine del mondo e la profezia di Ezechiele contenuta nella Genesi.

Fine del mondo e profezia di Ezechiele: le novità

Dopo la diffusione delle fotografie del reporter Noam Bedein sui pesci vivi nel Mar Morto, la comunità religiosa è in fermento a causa della profezia sulla fine del mondo ipotizzata dal profeta Ezechiele. Le foto di bedein, infatti, rispecchiano i segnali profetizzati da Ezechiele all’interno del libro della Genesi.

La correlazione tra le profezia biblica e le foto di Bedein, infatti, sta destando preoccupazione tra le comunità religiose di tutto il mondo. Il reporter israeliano ha fotografato dei pesci che nuotano nelle salatissime acque del Mar Morto, acque in cui non dovrebbe esserci nessuna forma di vita a causa dell’altissima concentrazione di salinità (37%).

Non solo, gli scatti illustrano lo scenario del Vicino Oriente come nessuno lo avrebbe immaginato: non zone desertiche e prive di vita, ma un paesaggio ricco di vita e vegetazione al punto da essere definito l’ottava meraviglia del mondo.

La scienza indaga sul fenomeno che ha permesso a dei pesci di vivere nel Mar Morto, fenomeno, appunto, inspiegabile. La religione, però, non ha dubbi sul fatto che si tratti di un mistico evento che preannuncia l’inizio dell’Apocalisse facendo riferimento alla profezia di Ezechiele che, appunto, si riferiva al ritorno dei pesci provenienti da Gerusalemme nelle acque del Mar Morto.

Leggi anche: Fine del mondo: verso l’Apocalisse dalla profezia di Ezechiele a quella di Volt