La fase 2, ecco come potrebbe essere: uffici, scuole e fabbriche con orari diversi

-
17/04/2020

Fase 2: ecco un ipotetico piano per le riaperture, fabbriche, uffici e scuole in orari diversi.

La fase 2, ecco come potrebbe essere: uffici, scuole e fabbriche con orari diversi

Si inizia a delineare come potrebbe essere la Fase 2: ci sono idee, proposte che vengono studiate per poi cercare quale sia il miglior modo per tornare alla ripresa graduale e sempre con attenzione nel fare prevenzione.

La fase 2 con uffici, fabbriche e scuole in orari diversi e controlli per rispettare le regole della Guardia di Finanza

Le idee per una ripresa ci sono, ora bisogna solo metterle insieme. Dovrà essere per forza un’Italia diversa, quella che avrà lo scopo di evitare il diffondersi del contagio, con la Guardia di Finanza che controlli nei negozi e nelle scuole, con gli uomini dell’ispettorato del lavoro che controllino negli uffici e nelle fabbriche.

In ufficio, ad esempio, si potrebbe entrare anche alle ore 11,00, nelle scuole non più alle 8,00, ma in modo scaglionato, a turni. Saranno i sindaci, per ogni città, a stabilire delle regole e a far sì che vengano rispettate. Saranno previsti incentivi per lo smart working, per le fabbriche si prevede un orario prolungato h24 e 7 giorni su 7, in modo che gli impiegati e gli operai non siano presenti tutti contemporaneamente, ma anche in modo che la produzione non si arresti.

La mascherina e i guanti, usati in modo corretto, devono diventare un karma, la distanza che verrà consigliata da mantenere sarà quella di 1,5 metri. Ci saranno a controllare Guardia di Finanza e ispettorato del Lavoro e chi non rispetterà le regole verrà sanzionato con la chiusura dell’attività.

Per gli acquisti nei negozi si farà la fila fuori e si entrerà in base alle norme stabilite in base alle dimensione del locale o agli spazi, o addirittura si è pensato, per alcune attività, l’accesso per appuntamento. Il tempo nei negozi dovrà essere solo quello della durata dell’acquisto.

Con questo sistema si alleggeriranno anche i trasporti pubblici, sui bus solo i posti seduti e alternati e con le dovute precauzioni, si salirà sui bus solo se scende qualcuno. Lo stesso nei treni, posti solo seduti e alternati con prenotazione, lo stesso nelle metro, con la differenza, per chi è in piedi, di rispettare le linee disegnate per terra.


Leggi anche: Cassa integrazione COVID Ristori Bis: come funziona la proroga e quanto dura, ecco le prime istruzioni Inps