Lattuga contaminata epidemia da batterio Escherichia coli, già 120 casi e un decesso

Lattuga contaminata da Escherichia Coli, una vera epidemia, già 120 casi e un decesso, ecco dove…

La lattuga contaminata da Escherichia coli, definita Killer sta terrorizzando gli Stati Uniti quella che è stata definita la lattuga Killer la quale dopo oltre 120 casi segnalati in 25 stati, ha causato il primo decesso.

Nelle ultime settimane si sono registrati circa circa 120 casi segnalati in 25 stati americani, e il primo caso di morte in USA. La causa della morte è stata un’infezione alimentare provocata proprio dal batterio Escherichia coli, rilevato nella lattuga Killer.

Il decesso è stato registrato in California. I sintomi che provoca il ceppo del batterio sono:

  • diarrea, vomito, crampi allo stomaco, nei casi gravi può portare anche ad un’insufficienza renale.

Coltivazione della lattuga contaminata

La lattuga contaminata da batterio Escherichia coli è coltivata nella regione di Yuma in Arizona che rifornisce gli Stati Uniti. Le autorità sanitarie americane, fanno sapere che: “L’avvelenamento alimentare è legato alla lattuga coltivata nella regione di Yuma, in Arizona, che rifornisce tutti gli Stati Uniti di questi ortaggi nei mesi invernali”.

L’insalata, avendo un pH superiore a 5.1, è un ortaggio facilmente contaminabile, mentre gli ortaggi con un valore di pH compreso tra 4.5 e 5.1, come i pomodori, sono più difficilmente attaccabili.

Consigli igienici

I consigli igienici da seguire sempre, sono: “lavati attentamente le mani dopo che hai utilizzato il WC” e “prima di manipolare alimenti”, e dopo aver toccato carne cruda, “lava accuratamente frutta e verdura, soprattutto se sono del tipo che non viene sbucciato o cotto” .

In Italia, non ci sono casi in riferimento alla lattuga, ma il batterio escherichia coli è molto comune negli alimenti.

Leggi anche: I Meloni Causano Epidemia Di Listeriosi, Già 7 Morti E 20 Contagiati, Allarme In Italia

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.