Lecce: A 10 anni promessa sposa in Sri Lanka, lei si rifiuta e si ribella, ecco come

-
09/08/2018

Bambina di 10 anni promessa sposa in Sri Lanka. Lei si ribella con atti autolesionisti

Lecce: A 10 anni promessa sposa in Sri Lanka, lei si rifiuta e si ribella, ecco come

La famiglia della bambina di soli 10 anni, avevano promesso la figlia in matrimonio a Sri Lanka, il suo paese di origine, ma lei si ribella in un modo che lascia tutti senza parole. Ha provato a fare di tutto per convincere la sua famiglia di impedire questo matrimonio, ma loro non volevano sentire nessuna ragione, a quel punto, la bambina prova atti di autolesionismo.Matrimonio di una bambina di 11 anni con un uomo di 41 anni, scatena il putiferio, ecco dove

Si scatena un vero e proprio putiferio e il Tribunale dei minori, affida la bimba ai servizi sociali.

I servizi sociali nell’ Aprile scorso, hanno preso in affidamento una bambina di 14 anni di origini cingalese, il motivo: atti evidenti di autolesionismo. La bambina è residente in Italia già da diversi anni, e non si pensava minimamente che dietro alla sua ribellione fosse una cosa cosi grave. Inizialmente si pensava che la bambina ha iniziato ad autodistruggersi per una banale punizione e che la sua reazione fosse tipica adolescenziale. Man mano, la storia della bambina prende forme più definite ed esce fuori una spaventosa realtà. Il papà della bimba, l’aveva promessa in sposa ad un ragazzo in Sri Lanka, quando la bimba aveva 10 anni. Da quel giorno, la piccola bambina ha iniziato a tagliarsi ai polsi e a compiere atti di puro autolesionismo.Bambina di 12 anni sorda violentata da 22 uomini, ecco l’agghiacciante storia


Leggi anche: Matrimonio di una bambina di 11 anni con un uomo di 41 anni, scatena il putiferio, ecco dove

Promessa sposa a soli 10 anniI genitori della figlia, quando si sono visti di fronte alla decisione del Tribunale Dei Minori, dove era evidente che la bambina non doveva più abitare con i genitori ma in una comunità familiare, sono andati su tutte le furie.

Il prossimo 13 agosto, dovevano organizzare ‘’la festa del menarca’’, in poche parole festeggiare secondo la loro cultura il passaggio all’ età fertile della bimba. Il giudice ha categoricamente vietato alla bimba di partecipare a tale festa, anche per evitare l’ufficializzazione della promessa, a quanto pare non voluta minimamente della bambina. A quel punto, i genitori si hanno chiesto l’aiuto all’ Ambasciata Cingalese. Ma la richiesta dei genitori non ha nessuna speranza di vincita, e la figlia ancora minorenne, ha il diritto di rifiutare di sposare un uomo che nemmeno conosceva, secondo la legge che dice: il minore che risiede in Italia deve rispettare la legge italiana e non quella del paese di origine.