Libri gratis in cerca di lettori: l’usanza che dovrebbe raggiungere tutta Italia

-
08/12/2019

Un modo per condividere, dividere e trovare libri: promuoviamo la cultura in tutta Italia.

Libri gratis in cerca di lettori: l’usanza che dovrebbe raggiungere tutta Italia

Per la prima volta i libri randagi li ho visti alla Coop: libri che si possono prendere, leggere e anche tenere, che qualcuno ha lasciato lì per trovare qualcuno che volesse leggerli. Mi è sembrata fin da subito un’idea stupenda al punto che ho portato i libri che avevo letto (e che non volevo smaniosamente tenere) al punto di raccolta per renderli randagi.

Libri in cerca di lettore

Soprattutto con la crisi economica sono molte le famiglie che hanno tagliato sulla spesa dei libri ripiegando sulle biblioteche. Lettori come me, però, non possono andare in biblioteca: sento il bisogno di possedere e avere sempre a portata di mano un libro che mi è piaciuto, leggerlo e rileggerlo (a distanza di anni magari) di nuovo. E se prendo in biblioteca un libro e poi mi piace son costretta ad andare in libreria a comprarlo per tenerlo nella mia libreria.

Il libro randagio, invece, risolve questo problema: quando si prende non va restituito, si può tenere per sempre o al limite, una volta letto si può mettere di nuovo a disposizione di nuovi lettori. Se si possiedono libri che non ci hanno appassionato, invece, si possono portare ai punti di raccolta dove troveranno sicuramente il loro lettore ideale.


Leggi anche: Reddito di cittadinanza: a maggio i beneficiari crescono del 16%, ma resta l’allarme povertà

Ma questa iniziativa non ha attecchito in tutta Italia. Mentre qui a Bologna l’ho trovata in diversi esercizi oltre che alla Coop, parlando con dei miei amici di altre città ho capito che non ovunque l’iniziativa ha preso piede.

Ad esempio, quando accompagno mio figlio in palestra, nell’attesa che faccia la sua lezione ho a disposizione una libreria di libri che hanno portato altri genitori (e che ho rifornito anche io) che posso sfogliare mentre aspetto e se trovo qualcosa che mi piace portarlo via. Stessa cosa dal parrucchiere, nella sala d’aspetto del dottore, in ospedale.

Mi sembra un’iniziativa talmente bella che mi sento di consigliare a tutti di promuoverla nelle proprie città  nei luoghi in cui si deve, per una cosa o per l’altra, attendere: nei CAF, all’anagrafe del Comune, all’Ufficio postale ecc…

Basterebbe chiedere l’autorizzazione per poter lasciare qualche libro con attaccato un adesivo in cui si può leggere qualcosa del genere: “sono un libro in cerca di un lettore: portami con te e se hai qualche libro che non leggi più lascialo al mio posto” magari scrivendo all’interno della copertina nome di battesimo e città di provenienza, per vedere quanti km fa ogni libro lasciato.

Promuoviamo la cultura e lo scambio, mi sembra una delle idee migliori del mondo.

Se avete qualche idea o domanda scriveteci pure: [email protected]