Mamma tenta di ammazzare la figlia di un anno strangolandola

Mamma nigeriana tenta di strangolare la figlia con una canottiera

Una giovane madre di origini nigeriane, cerca di ammazzare la propria bambina di un anno, strangolandola con una canottiera.

Ci sono ancora indagini in corso, per stabilire la causa di questo terrificante gesto da parte di una madre.

Il fatto

È successo tutto giovedi scorso, nel quartiere San Leonardo, a Parma, ma la notizia sembra sia stata tenuta nascosta per eventuali controlli dei carabinieri. Una giovane mamma di soli 30 anni, in piena disperazione cerca di strangolare la sua bimba di un anno in piena strada. Erano le 23, quando le urla della donna hanno messo in panico i passanti, chiamando cosi le forze dell’ordine. Sembra che il disperato gesto della donna, parte proprio dal fatto che era rimasta senza luce dentro casa. Sono stati i problemi economici, che hanno spinto la donna a fare questo orribile gesto. Non poteva neanche più pagare la luce a casa, ed è uscita con la propria figlia in braccio per strada.

La donna, toglie la canottiera alla figlia e tenta di strangolarla, fortunatamente la bambina adesso sta bene.

La donna cerca di ribellarsi selvaggiamente anche con gli agenti delle forze dell’ordine. All’arrivo dei carabinieri, la donna era in pieno attacco di panico. Per questo episodio di demenza pura, non è bastato l’intervento dei carabinieri, perché la donna sembrava indemoniata, ha cominciato a mordere la mano di uno degli agenti. Fortunatamente alla fine, i militari sono riusciti a mettere la bimba in salvo e a immobilizzare la donna.

Poteva essere una vera e propria tragedia, questa volta è stata evitata.

Madre e figlia sono state accompagnate al pronto soccorso, per la bambina i medici affermano che adesso sta bene, ma la madre probabilmente ha bisogno di cure.

È stato subito disposto un esame psichiatrico approfondito per la donna, adesso agli arresti domiciliari, e la bambina è stata affidata al padre

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.