Maturità 2022 Miur: news su materie e proteste seconda prova

-
04/02/2022

Maturità 2022 Miur: news su materie e proteste seconda prova

Maturità 2022, il Miur è al lavoro sullo svolgimento del passaggio di verifica finale nel percorso di studio della scuola superiore. Negli scorsi giorni dal Ministero sono emerse le prime anticipazioni relative alle materie della 2nda prova. Una verifica che dovrebbe avvenire il prossimo 23 giugno, quando prenderà luogo il secondo giorno della maturità.

Maturità 2022: ecco le materie legate alla seconda prova

In base alle indiscrezioni trapelate, le materie della seconda prova della maturità 2022 corrisponderanno al latino per il liceo classico e a matematica per lo scientifico e per scienze umane. Al linguistico gli studenti dovranno confrontarsi con l’inglese, mentre al tecnico economico (la ex ragioneria) ci sarà economia aziendale.

Gli studenti del tecnico industriale in Elettrotecnica ed elettronica, così come quelli del tecnico turistico e delle discipline turistico aziendali dovranno affrontare la materia caratterizzante il triennio. Infine, per l’istituto tecnico per geometri ci sarà scienze delle costruzioni. In base a quanto risulta in fase di organizzazione presso il Miur, l’idea è di basare la seconda prova su di una sola materia.


Leggi anche: Bonus condizionatori 2022: requisiti, come averlo e come funziona

Quest’ultima sarà quella che più caratterizza il percorso di studio dello studente. In aggiunta, a partire da quest’anno saranno le singole commissioni a predisporre la prova d’esame, basandosi sul programma che è stato effettivamente svolto durante l’anno. Si tratterà quindi di un compito in classe riepilogativo rispetto all’attività di studio svolta nel quinto anno delle superiori da parte degli studenti.

Come funzionano le altre prove durante l’esame

Per quanto concerne le altre verifiche d’esame, la prova d’italiano risulterà identica su tutto il territorio nazionale. Gli studenti saranno chiamati a scegliere tra sette diverse tracce che verranno scelte dal Miur. In pratica, si ritornerà al procedimento precedente la pandemia da coronavirus.

Anche l’orale verrà ripristinato nella sua modalità di svolgimento originale, mentre non verrà necessariamente richiesta la realizzazione di una tesina agli studenti. Le prove garantiranno 20 punti ciascuna, mentre il peso dato al curriculum dello studente potrà pesare fino a 40 punti. Le commissioni risulteranno composte solo da professori interni, mentre il presidente di commissione sarà esterno.

Oggi gli studenti in piazza per la maturità 2022

Stante la situazione appena descritta, al diffondersi delle notizie non è mancata la forte protesta degli studenti. Oggi venerdì 4 febbraio 2022 in molti hanno scelto di scendere in piazza per chiedere l’eliminazione della seconda prova di maturità. Gli studenti chiedono un ripensamento perché le prove scelte dalle singole commissioni saranno differenti l’una dall’altra. In questo modo, l’esame rischia di perdere oggettività.


Potrebbe interessarti: Riforma pensioni 2023: cosa succederà e chi rischia di più

In aggiunta, prima della pandemia la prova risultava interdisciplinare e con una modalità avanzata di valutazione, essendo basata sulla capacità dello studente di cogliere dei collegamenti tra le diverse discipline. C’è inoltre chi teme problemi legati al rischio di contagio dettato dal coronavirus.

Sullo sciopero indetto dagli studenti arriva però la contrarietà dei presidi, che non condividono le motivazioni alla base della protesta. Non vi sarebbero infatti problemi di sicurezza, viste le precauzioni e le misure prese per lo svolgimento e lo stato avanzato di vaccinazione della popolazione di riferimento.