Max sequestro di cannabis nascosta tra le piantagioni di pomodori, ecco dove

-
03/05/2018

Sequestrati 6 tonnellate di cannabis, ecco come hanno scoperto la piantagione.

Max sequestro di cannabis nascosta tra le piantagioni di pomodori, ecco dove

Cannabis, sequestrata a Ragusa una quantità di sei tonnellate, nascoste tra le piantagione di pomodori e arrestato il coltivatore.

La marijuana è stata scoperta dalla Polizia di Stato grazie all’uso di un drone.

Il sequestro della cannabis

La coltivazione di cannabis è stata estirpata dai poliziotti e con una ruspa sono stati caricati 2 tir. Il valore si aggira intorno a diversi milioni di euro, ma bisognerà aspettare le analisi per accertare la qualità e il principio attivo per dare un giusto valore. L’area coltivata si estendeva per circa 3.500 metri quadrati. La Procura di Ragusa si è occupata delle indagine.

Il coltivatore della cannabis

Il coltivatore della cannabis è un uomo di 53 anni, Carmelo Guerrieri. La polizia ha avviato le indagini dopo diverse segnalazioni che in quella zona era molto forte l’odore di marijuana, con l’aiuto di un drone sono riusciti ad individuare la zona esatta. I poliziotti hanno atteso l’arrivo del Guerrieri prima di entrare in azione, così il coltivatore è stato sorpreso mentre annaffiava le piante di cannabis. Guerrieri è stato subito arrestato ma non ha dato per ora nessun dettaglio su eventuali complici.

Il procuratore aggiunto

Il procuratore aggiunto Antonio Ciavola, capo della squadra mobile di Ragusa, ho commentato “La lotta al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti continua su ogni fronte è fondamentale colpire ogni anello della catena, dallo spacciatore di piazza, alle organizzazioni criminali dedite al narcotraffico, dal corriere con ingenti quantità, al coltivatore diretto di marijuana, il tutto con un unico obiettivo, preservare la salute dei più giovani ed assicurare alla giustizia i criminali“.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

Leggi anche : Alcol o marijuana, cosa fa più male? Risponde la scienza