Milano, terrore in via Quarenghi, un incendio in un appartamento, genera il panico

Un incendio è divampato in via Quarenghi. Al momento l’intero stabile risulta evacuato, le indagini sulle cause del rogo sono al vaglio delle autorità competenti.

Milano, un rogo divampa nel primo pomeriggio di oggi, mercoledì 28 febbraio 2018. Dalle prime ricostruzioni effettuate dalle autorità competenti l’incendio ha avuto origine in un appartamento situato al terzo piano. Le fiamme sono divampante alle ore 16.40 circa, in un palazzo di via Giacomo Quarenghi n. 37 presso la zona Bonola.

Cosa ha generato l’incendio di via Quarenghi?

L’incendio ha preso forza divampando in tutto l’appartamento del terzo piano alle 16.40. Al momento tutta l’area e sorvegliata dall’autorità competente suddivisa tra agenti della polizia locale e dalle forze dell’ordine, i vigili del fuoco presenti sul posto stanno operando con diversi automezzi. Sono presenti i sanitari del reparto 118. L’immobile risulta essere di 14 piani, prontamente evacuati.

Quanti feriti per l’incendio di via Quarenghi?

Secondo quanto riportato da “la Repubblica”, il fuoco si è propagato molto velocemente, sono state tratte in salvo 20 persone rimaste intossicate per inalazione del fumo. La ricostruzione dei fatti che hanno dato origine all’incendio è al vaglio degli inquirenti, quindi non è ancora chiara la causa che ha generato l’incendio.

Fortunatamente, non si registrerebbero delle vittime.

Leggi anche:

Napoli, Terrore In Tangenziale, Un Incendio Genera Il Panico In Galleria

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein