Miopia acquisita o miopia ereditaria? Differenze, cause e rimedi

La miopia è un’insufficienza visiva. Oggi, è una patologia oculistica che coinvolge tanti ragazzi. È stato stimato che solo in Italia esistono più di 15 milioni di persone affetti da miopia.

Non sempre quando parliamo di miopia facciamo riferimento al difetto visivo dovuto a un mero problema di ereditario. Spesso, le cause che generano la formazione di questa patologia oculistica sono legate a uno stile di vita decisamente poco salutare che influisce negativamente sugli organi dell’apparato visivo, cioè gli occhi.

L’11 ottobre è previsto un programma per la Giornata Mondiale della Vista. Il tema sulle patologie oculari ruoterà anche sulla miopia che affligge i giovani di oggi.

Cosa significa miopia?

La miopia è una patologia che colpisce il campo visivo, molto spesso sentiamo parlare di un disturbo oculare che offusca la visibilità da lontano. Praticamente, chi è affetto da questo disturbo vede offuscato da lontano. Solitamente, si nota nel periodo dell’adolescenza, tendenzialmente la miopia si stabilisce intorno ai 20 e i 25 anni di età. Si tratta, di un disturbo che si raddrizza con l’uso di occhiali o lenti a contatto, se consigliate dal medico oculista.

Miopia: una patologia visiva da non sottovalutare

Miopia acquisita o miopia ereditaria?Si tratta di una disfunzione da non tralasciare, anzi da valutare nel tempo. Gli ultimi dati pubblicati dalla rivista  Ophthalmology sullo studio di questa patologia visiva, hanno previsto che entro il 2050 circa i 50% della popolazione a livello mondiale potrebbe soffrire di questo disturbo. Lo studio ha individuato i bambini come soggetti particolarmente a rischio, la patologia visiva della miopia viene causata in modo particolare per l’eccesso uso di smartphone, pc, televisori e tablet.

Statisticamente la rivista ha reso noto l’afflusso in percentuale di miopia nei ragazzi, quali:

  • 9 anni la patologia visiva è del 12%;
  • 15 anni il disturbo tocca il 18%;
  • età adulta la disfunzione arriva al 24%.

 Qual è la differenza tra miopia acquisita o ereditaria?

Sostanzialmente, quando parliamo di miopia acquisita, facciamo riferimento a un disturbo generato da una causa. In questo caso, si tratta di una patologia che si può prevenire. Nel senso, che basta un semplice cambio di abitudini per ridurre i rischi d’incorrere nel disturbo.

Ad esempio, come ridurre le ore dedicate ai videogiochi e portare i bambini a divertirsi all’aria aperta. Basta poco, circa un’ora al giorno per prevenire il disturbo di miopia. In un modo semplice si spinge l’occhio a cambiare campo visivo. È bene sapere, che l’uso di smartphone, pc e tablet, dovrebbero essere maneggiati a una distanza dagli occhi superiore di circa 30 centimetri.

La miopia ereditaria è una patologia visiva nata da una forte familiarità del disturbo, dovuta a predisposizione genetica oltre che ai rischi derivati da un cattivo stile di vita.

Leggi anche:

Mangiare la pellicina dell’unghia è pericoloso, si rischia la morte: il caso

Dieta: ingrasso e dimagrisco, come fermare lo yo yo?

Colesterolo: aglio e olio di camelia, due alleati imbattibili

Antonella Tortora

Analista Contabile, collaborato con diversi quotidiani online. Adoro scrivere, ogni notizia è degna di essere vissuta, raccontata, con cuore, emozione, passione. Raccontarle serve a renderle uniche, se non raccontate finirebbero nel labirinto del dimenticatoio. Resta un'unica verità ogni storia incorpora una piccola parte di me, che emerge in un angolino nascosto. Citazione preferita: “Il valore di una persona risiede in ciò che è capace di dare e non in ciò che è capace di prendere.” Albert Einstein