Multa ai 18enni che comprano i cellulari con il Bonus 18 anni

Sono previste numerose condanne e multe per tutti i 18enni e commercianti che non hanno rispettato la misura del Bonus Cultura 500 euro.

Sono circa tre anni che è in vigore la misura del Bonus 18 anni, misura che stanzia 500 euro a tutti quei ragazzi che ogni anno compiono 18 anni. Ovviamente, come già in precedenza abbiamo detto, quei soldi del Bonus Cultura devono essere spesi soltanto in prodotti di cultura, come biglietti per il cinema, per i concerti, libri di testo o di narrativa, ma anche nei musei e corsi sempre di impronta culturale. Ma in tutti questi tre anni non tutti hanno usufruito nel modo giusto di questo Bonus. Infatti, si è riscontrato che con quei soldi sono stati acquistati dei cellulari, prodotti non previsti dalla misura. Pertanto, non solo saranno multati i venditori che hanno accettato tale acquisto, ma gli stessi 18enni.

Cellulari avuti con il Bonus Cultura, saranno multati anche i 18enni

Sono previste multe e condanne per chi ha abusato di questa misura a favore dei giovani. Ma cosa sappiamo di questo fatto illecito? Il primo a parlarne fu la trasmissione Striscia la notizia, la quale, attraverso i suoi servizi, ha più volte denunciato questo modus operandi di molti esercenti compiacenti che spesso cambiavano il Bonus in soldi contanti o che vendevano merce vietata come cellulari.

Non si è fatta di certo attendere l’azione della Cassazione che in questi giorni ha multato anche 700 neodiciottenni di Caltanissetta che hanno abusato del bonus cultura da 500 euro, introdotto dal governo Renzi, per acquistare smartphone anziché libri. Pertanto, sono considerati “colpevoli”, sia il commerciante “compiacente” che ha venduto la merce estranea al bonus, che i 18enni che anno fatto ciò.

Per quanto riguarda le pene, i giovani che hanno abusato del Bonus Cultura non rispettando la legge ora dovranno pagare una sanzione amministrativa che varia da 5.164 euro a 25.882 euro se “la somma indebitamente percepita” non supera i 4.000 euro.

Guai per i commercianti per l’operazione illecita

Invece, si prevedono guai ancora più salati per i commercianti che hanno venduto merce non prevista dalla normativa. Addirittura, è previsto sia il rischio del carcere o, nella migliore delle ipotesi, il pagamento di una multa per ogni singolo incasso di uno o più bonus.

Tali commercianti sono accusati di “indebita percezione di erogazioni a danno dello Stato” e la finanza sta già sequestrando beni mobili e immobili, con ordine alle banche di sequestrare qualunque somma dovesse pervenire sui suoi conti fino a raggiungere la somma di 317mila euro, pari ai bonus incamerati.

Questo è il provvedimento confermato dal Tribunale del riesame di Caltanissetta il 27 dicembre. Ma la difesa del titolare del negozio ha protestato in Cassazione sostenendo che bisogna provare se l’indagato ha riscosso “in un unico momento” una somma superiore a 4mila euro. Se questo fosse il caso, questo “non configura una condizione obiettiva di punibilità, ma un elemento costitutivo del reato”, con annesso rischio di condanna alla reclusione da sei mesi a tre anni.

Invece, se il commerciante ha ottenuto le erogazioni pubbliche in più “rate”, inferiori ciascuna alla soglia dei 4mila euro, allora sarà costretto soltanto a pagare più multe “perché l’assommarsi di una serie di illeciti amministrativi” non può comunque “tradursi nella commissione di un illecito penale”.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.