Multa autovelox, se segnalata come tutor è nulla

La multa autovelox e nulla se segnalata come tutor, ecco perchè e quando fare ricorso.

La multa autovelox se segnalata come tutor è valida? Dal punto tecnico si, dal punto di vista legale, affinché ci sia la validità della multa bisogna rispettare gli obblighi di segnalazione. La segnalazione dell’autovelox non può essere la stessa del tutor.

I due sistemi hanno due sistemi diversi per segnalare l’eccesso di velocità, nell’esattezza: l’autovelox accerta la velocità in uno specifico istante, mentre il tutor calcola la velocità media tra un punto di partenza in entrata e un punto in arrivo in uscita.

Se l’autovelox viene segnalato come tutor, non vengono rispettate le regole del codice della strada e integrate dalle circolari ministeriali. Quindi la multa è nulla fatta col tutor in modalità autovelox. I chiarimenti arrivano da una recente sentenza del Giudice di Pace di Fermo n. 108/2018.

Viceversa, la multa con autovelox segnalato come tutor, è valida.

Multa tutor e autovelox come fare ricorso?

Il tutor ha una telecamera come l’autovelox, è un sistema più evoluto e può funzionare anche come autovelox e regolare la velocità sul momento. Ma la segnaletica dev’essere chiara e trasparente. Inoltre, l’amministrazione non può giocare con i doppi sensi, e non può ingannare l’automobilista.

Riepilogando, il verbale è nullo, se il tutor funziona come autovelox, ma sul cartello stradale viene specificato che viene controllata la velocità media.

Per fare ricorso della sanzione contro il tutor, bisogna agire entro 30 giorni dal ricevimento della notifica.

Bologna: autovelox non conforme, giudice annulla la multa “fuorilegge”

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.