Muore il dj e produttore svedese Avicii a soli 28 anni

E’ morto nel pomeriggio di venerdì 20 aprile il giovanissimo disc jokey Avicii. Ancora incerte le cause del decesso. La notizia è stata riportata attraverso un comunicato dalla manager dell’artista.

Il mondo della musica, ed in particolare il mondo dei disc jokey, piange un giovane artista svedese, Avicii morto a soli 28 anni. Era riuscito nel corso della sua breve, ma intensa vita, ad arrivare a vette altissime e ad avere grandi collaborazioni oltre che premi. Non si conoscono ancora le cause del decesso; molto probabilmente le stesse saranno poi rilasciate nei giorni che seguiranno.

La morte in un pomeriggio di aprile

La sua manager, Diana Baron, ha confermato la morte del giovane artista Avicii attraverso un comunicato. Ecco le seguenti parole: “È con profondo dolore che annunciamo la scomparsa di Tim Bergling, anche conosciuto come Avicii. Il suo corpo è stato trovato senza vita a Muscat, in Oman, questo venerdì pomeriggio, 20 aprile. La famiglia è devastata dal dolore e vi chiediamo di rispettare il suo bisogno di privacy in questo momento così difficile. Non verranno forniti ulteriori comunicati.”

Problemi di salute in passato

Poco conosciuta, infatti, è la notizia di problemi di salute del giovane disc jokey. In passato, nel 2014 , Avicii ha sofferto di pancreatite acuta, ovvero un’infiammazione del pancreas. Nello specifico, l’infiammazione non solo produce la calcolosi biliare, ma anche un intenso dolore all’addome. Nel caso di Avicii, la pancreatite è stata causata dall’eccessivo alcool di cui avrebbe fatto uso. Per questo motivo, ha dovuto rimuovere non solo la cistifellea, ma anche l’appendicite. Questo, ovviamente, ha costretto il giovane ad annullare vari concerti per riprendersi. Ma non ha perso tempo, infatti nel 2016, l’artista si ritira dal tour e inizia a produrre nuova musica.

Successi e un documentario sulla sua vita

Avicii inizia a farsi conoscere nell’ormai lontano 2011 con Levels, nel 2013 raggiunge il successo internazionale con Wake me up e Hey brother. Seguono altri successi e collaborazioni con artisti come Rita Ora, David Guetta, Madonna ed i Coldplay. Uno dei primi a introdurre la musica elettronica e dance, ha vinto due MTV Music Awards, un Billboard Music Award ed ha ricevuto due nomination ai Grammy. Ma non è finita qui. Avicii rilascia nel marzo del 2018, un documentario su Netflix, “Avicii: True Stories”, che parla del suo ritiro dal tour e presenta interviste di altri suoi colleghi come lo stesso David Guetta e Chris Martin.

L’ultimo post social

Molti esprimono il coloro cordoglio e la loro tristezza nel perdere un artista così talentuoso e così giovane. E pensare che solo due settimane fa lo stesso Avicii aveva rilasciato una foto con una didascalia che diceva di trovarsi in California. Forse per lavoro.

leggi anche: E’ Beyoncè la regina indiscussa del festival Coachella di quest’anno

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.