Ornella Muti condannata per tentata truffa

-
16/06/2019

Condannata l’attrice Ornella Muti per tentata truffa e falso: 6 mesi di reclusione e 500 euro di multa dalla Corte di Cassazione.

Ornella Muti condannata per tentata truffa

Nel dicembre 2010 Ornella Muti cancellò uno spettacolo al Teatro Verdi di Pordenone dandosi malata. Peccato che invece, la stessa sera, partecipò ad una sera di gala in Russia con Vladimir Putin e Kevin Costner e numerose foto hanno smentito la sua ipotetica malattia. L’attrice doveva recitare nell’opera “L’ebreo” che le avrebbe fruttato un cachet di 24mila euro ma preferì mandare un certificato medico in cui si dichiarava che era affetta da febbre, tosse e raucedine, pur di non presentarsi sul palco e partecipare, invece, alla cena di gala. Peccato che le foto dell’attrice la sera del 10 dicembre seduta al tavolo con Putin fecero il giro del mondo.

La Corte di Appello di Trieste condanno, il 6 luglio 2017, l’attrice per tentata truffa. La Corte di Cassazione, a giugno 2019, conferma la condanna a Ornella Muti con 6 mesi di reclusione e 500 euro di multa per tentata truffa e falso.

Le difese dell’attrice

Ornella Muti a tal riguardo dichiarò che “Sarei andata ugualmente, ho solo anticipato la partenza data l’impossibilità a recitare quella sera. Non era una scusa, lo spettacolo consisteva in un monologo urlato di oltre un’ora che non avrei potuto sostenere. Ma la voce rauca non impedisce di partecipare a una cena“.

La Cassazione, però, ha dichiarato inammissibile il ricorso dell’attrice. L’attrice oltre alla sanzione dovrà pagare, per la sospensione condizionale, 30mila euro al Teatro Verdi di Pordenone per il danno subito per il suo comportamento.


Leggi anche: Case all’Asta, boom di pignoramenti immobiliari per il Covid-19: + 63% nel secondo semestre 2020

Già nel 2017 l’attrice e la figlia Naike furono costrette, a causa di uno sfratto per morosità pari a 80mila euro, ad abbandonare la loro abitazione a Roma. Adesso, però, se la Muti non pagherà i 30mila euro teatro Verdi per lei si avvierà il percorso con i servizi sociali e l’attrice potrebbe dover scontare anche la sua pena in carcere.