Pangasio vietato per i bambini, contiene troppo mercurio

-
02/06/2018

Il pangasio bandita dalla alimentazione dei più piccoli: ecco il perchè

Pangasio vietato per i bambini, contiene troppo mercurio

Il pangasio è ritenuto un alimento pericoloso per l’alimentazione dei bambini perché contiene un alto livello di mercurio.

Il pangasio bandito

Non è la prima volta che il pangasio è sotto accusa. Anche se è uno dei pesci che finisce spesso nei piatti dei bambini per la sua carne bianca, morbida e senza spine. Questo pesce proviene da Vietnam e viene pescato nel fiume Mekong, ritenuto uno dei più inquinati al mondo, per questo esso contiene un alto livello di mercurio che può nuocere gravemente alla salute.

I ricercatori, che hanno fatto in analisi su 80 campioni di filetti congelati, suggeriscono e consigliano di eliminarlo almeno dalla dieta dei bambini.

Quali sono le conseguenze dell’assunzione del mercurio?

Il mercurio è presente in forma diversa. La forma più preoccupante è il metilmercurio, quella che si accumula nei tessuti biologici. Il mercurio viene prodotto dai batteri e assimilato dai pesci, per questo sono continuamente controllati in modo mirato, per valutare il livello di contaminazione. Le fonti di esposizioni per l’uomo al mercurio è proprio il consumo dei pesci. Il mercurio può essere pericoloso alla salute umana con conseguenze a livello neurologico con sintomi come: tremori, insonnia, perdita di memoria, effetti neuromuscolari, mal di testa. Altri sintomi possono essere problemi ai reni, perdita di proteine ma anche corrosione di pelle, occhi e tessuti del tratto digerente.


Leggi anche: Pensioni, la ricerca Schroders: ecco perché gli italiani sono i più preoccupati d’Europa

IL mercurio è anche presente nei vaccini e altri rimedi farmaceutici, ma l’Oms ci rassicura confermando che il tipo di mercurio presente non è melitmercurio, ma etilmercurio una forma che non si accumula nell’organismo. Il mercurio, inoltre, presente nei prodotti farmaceutici è di una quantità molto limitata e non si è riscontrato nessun rischio legato al loro consumo.

Leggi anche: Lattuga Killer contaminata dall’escherichia coli: 1 morto e 121 contagi