Pensione, quota 100: grandi novità entro Natale 2018

-
07/11/2018

La quota 100 per la pensione anticipata sta per diventare una legge? Un decreto apposito sarà emanato entro dicembre 2018.

Pensione, quota 100: grandi novità entro Natale 2018

La quota 100 per la pensione anticipata sta per diventare una legge? Un decreto apposito sarà emanato entro dicembre 2018.

Quota 100, pensione anticipata

Chiunque abbia intenzione di andare in pensione potrà farsi due conti e capire se soddisfa i requisiti per poter aderire alla quota 100. Chi, infatti, raggiunge una quota (data da età pensionabile+anni di contributi) pari a 100 potrà richiedere il pensionamento anticipato.

Ad esempio, chi ha 62 anni di età e 38 anni di versamenti raggiunge la quota 100. È necessario, inoltre, possedere un requisito contributivo minimo pari a 38 anni e un’età minima pari a 62 anni. Se l’età o gli anni di versamenti sono inferiori, non si può andare in pensione nonostante si riesca a raggiungere la quota 100.

Decreto Quota 100Pensione, quota 100: grandi novità entro Natale 2018

I dettagli riguardo questa modalità di pensionamento non sono ancora ben definiti e molti aspettano e sperano in una legge a riguardo. Entro Natale 2018, però, sarà finalmente emanato un decreto che delineerà i requisiti e le caratteristiche della manovra, come le finestre di uscita ed il preavviso per gli statali. L’unica cosa certa, per ora, sono gli anni minimi di età e di contributi che, ripetiamo, sono rispettivamente 62 e 38 anni.

Inoltre, l’uscita con la quota 100 non sarà effettuabile a partire dal primo giorno del mese successivo alla maturazione dei requisiti, come succede al momento per qualsiasi altra modalità di pensionamento. Infatti, si dovranno attendere delle date, ovvero le finestre fisse d’uscita. Per il momento sono previste le seguenti date:


Leggi anche: Dolci tipici di Natale regione per regione vediamo quali sono

  • 1° aprile, 1° luglio, 1° ottobre e 1° gennaio per i dipendenti del settore privato;
  • per dipendenti pubblici, invece, sono previste due finestre annuali. Inoltre, il dipendente pubblico interessato al pensionamento dovrà fornire all’amministrazione un preavviso di 9 mesi;
  • infine, per il personale scolastico sarà applicata la finestra unica a settembre.