Pensione quota 100 per superare la Fornero, via spesometro e redditometro: ecco le promesse di Di Maio

Le prime promesse di Di Maio: via la Fornero, lo spesometro il redditometro e revisione del Jobs Act.

Prime promesse da ministro per Luigi Di Maio che annuncia cambiamenti che dovrebbero fare un gran piacere agli italiani: il superamento della legge Fornero con l’introduzione delle pensioni anticipate tramite la quota 100, l’abolizione di spesometro e redditometro e la revisione del Job Act.

 

Non solo pensioni, quindi, Di Maio pensa alla precarietà in cui vivono i cittadini e per dare più forza all’economia parla di ridurre questa precarietà rimettenso mano al Jobs Act per permettere agli italiani di fare progetti a lungo termine, come, per esempio, sposarsi e fare figli. “Il Jobs Act va rivisto, c’è troppa precarietà La gente non ha certezza neanche più per prenotarsi le vacanze non solo per sposarsi e se dobbiamo dare più forza all’economia la dobbiamo ridurre” dice Di Maio su Facebook.

 

Il leader del Movimento 5 Stelle parlando del nuovo Governo Conte annuncia che “Credo che possiamo fare veramente la differenza. Saranno i cittadini a giudicarci, non facciamo annunci. Siamo una bella squadra, molto affiatata e possiamo lavorare bene insieme”.

Tr ale misure da adottare ci sono, inoltre l’eliminazione dello spesometro, del redditometro e degli studi di settore.

Ovviamente il tema portante riguarda le pensioni e il progetto è quello di eliminare definitivamente la legge Fornero con l’attuazione della quota 100 permettendo di lasciare il lavoro agli italiani a partire dai 64 anni.

Redazione NotizieOra

Articoli redatti dai nostri esperti di Fisco, diritto ed economia.