Permessi legge 104: visite mediche sospese per Covid-19, fino a quando?

-
14/07/2020

Permessi legge 104 di tre giorni al mese e verbale scaduto, il datore di lavoro si rifiuta di riconoscermi i permessi, cosa posso fare?

Permessi legge 104: visite mediche sospese per Covid-19, fino a quando?

Pemessi legge 104, cosa fare se il verbale è scaduto? I permessi in questo caso non si perdono perchè la normativa tutela il lavoratore con disabilità o per chi assiste un familiare con handicap grave. Nel periodo di Covid-19 sono state sospese tutte le visite medico legali e dall’inizio di giugno sono  anche riprese. Adesso l’ente e le Asl cercheranno di sbloccare tutte le visite.

Permessi legge 104: sospensione dei termini di decadenza

Un lettore ci ha scritto: “Salve, sono un lavoratore dipendente, e usufruisco dei permessi L. 104 per assistere un congiunto invalido al 100%, la cui validità era soggetta a revisione il 30/04/2020. Tale validità si intende prorogata fino alla fine dell’emergenza? O come sostiene il mio datore di lavoro, non avrei più diritto ai permessi, in quanto sarebbe da ritenersi decaduta alla suddetta data di revisione non eseguita? Dove posso trovare il comunicato INPS che proroga la scadenza delle 104, la cui revisione è scaduta durante il “Lock down”. Grazie Roberto”


Leggi anche: Reddito di cittadinanza: a maggio i beneficiari crescono del 16%, ma resta l’allarme povertà

L’Inps sul suo portale ha pubblicato in data 20 maggio 2020 con il numero 2097, la sospensione di alcune attività in considerazione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19. Nello specifico il messaggio chiarire che sono sospesi i termini di decadenza delle seguenti prestazioni assistenziali:

  • sospensione delle visite medico-legali di accertamento di invalidità;
  • proroga della validità del permesso di soggiorno relativamente alle prestazioni economiche di invalidità civile condizionate dal predetto permesso;
  • liquidazione dell’indennità di frequenza per l’attività didattica svolta in modalità alternativa a distanza;
  • sospensione dei termini decadenziali, nell’ambito giudiziario e di contenzioso amministrativo, in materia di invalidità civile e assegno sociale.

Permessi legge 104 e grado di parentela familiare

Ripresa delle visite

L’Inps sempre sul suo potale con un nuovo messaggio in data 5 giugno 2020 numero 2330 avvisa che dalla data di pubblicazione del comunicato, che saranno riaperti i canali di comunicazione legati agli accertamenti medico-legali delle ASL (primi accertamenti e aggravamenti) per il riconoscimento degli stati di invalidità civile, cecità civile, sordità e handicap.

Le Asl possono riprendere le attività di calendarizzazione delle visite, secondo le consuete modalità. Il messaggio riporta che “i soggetti chiamati alla visita riceveranno una lettera di convocazione e gli sms per ricordare l’appuntamento. Nel messaggio vengono fornite tutte le indicazioni”.


Potrebbe interessarti: Bonus acqua potabile 2021: provvedimento Agenzia delle Entrate, requisiti e come richiederlo

Verbale scaduto

Per effetto della legge n. 114/2014 coloro che sono in attesa di revisione per il rinnovo del certificato di invalidità, il portatore di handicap o invalido e i familiari che assistano il proprio familiare con gravi disabilità, continuano a fruire i permessi fino alla conclusione dell’iter di rinnovo. Quindi, lei deve continuare a fruire dei permessi legge 104, finché non terminerà l’iter di rinnovo del verbale invalidità, interrotto anche dalla pandemia da Covid-19 che ha bloccato tutte le visite mediche fiscali.