Ragazza di 14 anni muore dopo che i genitori rifiutano la chemioterapia

I genitori rifiutano la chemioterapia per la figlia colpita da un tumore al cervello per curarla con rimedi naturali. Ecco la sua storia.

La terribile storia di Zara, 14 enne residente a Ohio, fa il giro in web. La ragazzina ha iniziato ad accusare forti dolori alla testa e a vomitare spesso. È stata visitata dai medici e le è stato diagnosticato un tumore alla testa, precisamente al cervello. Non era possibile operarla, poiché il tumore non poteva essere estirpato chirurgicamente. L’unica soluzione, quindi, era la chemioterapia.

I genitori della bambina hanno rifiutato categoricamente la chemioterapia per la loro figlia, essendo dell’opinione che l’effetto sarebbe stato troppo aggressivo. Sostenevano che la chemioterapia, oltre a uccidere le cellule malate, avrebbe danneggiato anche quelle buone.

Leggi anche:
Morta a 18 anni, rifiuta la chemioterapia, i genitori colpevoli? Andranno a processo, ecco perché

E’ iniziata subito una battaglia legale, il giudice ha disposto la terapia convenzionale. Per la ragazzina, però, era ormai troppo tardi.

Zara era affetta da un tumore al cervello, ma i genitori hanno deciso di curarla con l’incenso e la curcuma. I genitori hanno risposto ai medici con affermazioni del tipo: “Ci sono storie su internet in cui molte persone si sono curate con oli essenziali per sciogliere i tumori” .

Zara morta perché i genitori hanno rifiutato la chemioterapiaI genitori chiedevano ai medici di somministrare alla figlia infusioni di vitamina C e perossido di idrogeno.

Non è la prima volta che si sentono storie del genere, ovvero di pazienti che rifiutano la chemioterapia oppure familiari che decidono di non far iniziare questa terapia.

Il 31 Luglio scorso il Tribunale ha emesso l’ordine di iniziare subito la chemioterapia. Nel frattempo, però, le condizioni di salute di Zara erano peggiorate e la ragazzina è entrata in coma. Ormai qualsiasi tentativo per riuscire a salvarla sarebbe stato inutile: Zara è morta esattamente dopo un anno della diagnosi.

 

Ionela Polinciuc

Mi chiamo Ionela Polinciuc, sono nata in Romania e ho vissuto a Roma e Darfield. Amo viaggiare, e questo percorso mi ha permesso di conoscere altre realtà importanti e migliorare le mie capacità di adattamento a svariati contesti. La mia passione per scrivere, mi ha portato a collaborare con diversi giornali, da ormai 3 anni.