Registro anti scocciatore, da oggi non arriveranno più le telefonate insistenti e moleste

-
06/07/2018

L’Agcom ha ideato il registro pubblico anti scocciatori: ecco cos’è

Registro anti scocciatore, da oggi non arriveranno più le telefonate insistenti e moleste

Agcom – Sono sempre più numerose le lamentele delle persone che segnalano la continua insistenza degli operatori a proporre offerte e telefonate continue.

L’Agcom per cercare di limitare questo fenomeno e di limitare anche le telefonate truffaldine, ha istituito un registro pubblico dei servizi di call center.

Agcom

Che cos’è il registro pubblico

L’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazione, attraverso il suo sito, ha messo a disposizione uno strumento che consente di identificare velocemente i call center. Basti inserire il numero di telefono con cui ci hanno contattato e verificare, velocemente, se si tratti di un reale call center. Quindi verificare se si tratti si una truffa o meno.

Dalle istruzioni dello strumento si legge: “inserendo una numerazione nazionale nel campo sarà possibile risalire all’anagrafica della/le società esercente/i l’attività di call center sulla base delle informazioni dichiarate dalle stesse società al Registro degli Operatori di Comunicazione (ROC). Se la numerazione inserita non è stata dichiarata al ROC, la ricerca non produrrà alcun risultato”.

Quindi i numeri inseriti devono esseri dichiarati al ROC. E’ molto difficile che per un’azienda italiana particolarmente nota nel suo settore non è registrata in questo elenco.


Leggi anche: Whatsapp dal 2021 smetterà di funzionare su questi cellulari

L’importanza di questo strumento

Possiamo, quindi, dedurre che lo strumento del registro pubblico per i call center è un valido aiuto per noi utenti che non vogliamo incorrere in truffe e soprattutto non essere continuamente scocciati da queste innumerevoli telefonate, anche in orari poco opportuni.

Dobbiamo, anche dire, che i numeri presenti nell’elenco del ROC, sono numeri di call center che possono gestire servizi di più aziende, quindi possiamo risalire al nome che gestisce il call center e non dell’azienda che effettivamente ci ha fatto l’offerta.

Bollette telefoniche a 28 giorni: Agcom ordina ai gestori di restituire i giorni erosi ai consumatori