Ricevere un abbraccio non richiesto è un reato? Cosa dice la legge

-
12/01/2020

Un abbraccio inaspettato, costretto ed obbligato è un reato penale, nella fattispecie si tratta di violenza e molestia sessuale. Vediamo un caso di recente accaduto.

Ricevere un abbraccio non richiesto è un reato? Cosa dice la legge

Nell’era in cui viviamo anche un minimo gesto definito innocuo ed ingenuo può esserci fatale, ci si può ritorcere contro. A questo discorso appartiene anche l’abbraccio, più nella fattispecia un abbraccio non voluto, non richiesto dalla persona che lo subisce. Che sia chiaro: per la legge un abbraccio di questo tipo costituisce reato. Certo, bisogna fare una bella distinzione: il caso di cui vi vogliamo parlare, dove l’abbraccio è diventato reato, vede come protagonista una donna che stava salutando un uomo anziano di 60 anni con la sua mano. Ma questa persona ha pensato di afferarla e di strattonarla in un abbraccio forse troppo forte che ha richiesto un contatto fisico non richiesto.

Un abbraccio non richiesto è una violenza, è un reato?

La legge con l’articolo 609-bis del Cod. penale ritiene che sia violenza sessuale leggera un abbraccio non richiesto o lo strusciamento in zone affollate.

Per quanto riguarda la pena si può arrivare a scontare dai 2 ai 4 anni di carcere.

Il caso sopra riportato non è una cosa banale dato che l’anziano uomo che ha costretto la donna ad un abbraccio forzato è riuscito anche a toccarle il seno, senza che questa si fosse potuta difendere.

Cosa differenzia un banale abbraccio inaspettato da uno che invece è forzato?

Beh, che i corpi siano troppo vicini così che i rispettivi organi genitali arrivino a toccarsi, a premere l’uno sull’altro.

Stessa cosa vale per un bacio costretto a danno di una persona che è stata obbligata ad un bacio, il quale funge da pretesto per arrivare agli orgnani genitali.


Leggi anche: Pensioni e legge di bilancio 2021, riparte l’indennizzo ai commercianti

Ma non solo: anche la situazione in cui viene messa la persona costretta a tale contatto  che non può difendersi ed evitare una tale circostanza.

Putroppo, la cosa che ci duole dire è che le vittime di queste circostanze strane siano sempre le donne, messe in una situazione dove devono solo subire senza potersi difendere.

Per fortuna è possibile riscattarsi dopo poco, basta che la  vittima dichiari quanto è accaduto, e la presenza di altre persone in quel momento può essere solo un’aggiunta e non una necessità.

 

Leggi anche:

Fare la mano morta, è molestia per la legge?