Riforma codice della strada: ritiro patente, sanzioni raddoppiate e divieto di fumo alla guida

-
29/01/2020

Il nuovo codice della strada potrebbe preoccupare molto gli automobilisti: ritiro della patente per chi usa il cellulare, sanzioni raddoppiate e divieto di fumo per chi guida. Vediamo le novità.

Riforma codice della strada: ritiro patente, sanzioni raddoppiate e divieto di fumo alla guida

Si inaspriscono le sanzioni per gli automobilisti con la riforma del nuovo codice della strada che proprio oggi è approdato alla Camera. Per chi usa il cellulare alla guida è prevista la sospensione della patente e la decurtazione del punti. Non solo cellulare, attenzione, il divieto è esteso anche a tablet e computer.

Riforma codice della strada

Ma non basta, sono previste multe, per gli inadempienti, fino a 1697 euro.

La riforma del codice della strada, però non prevede solo novità per chi guida utilizzando strumenti mobile, ci sono novità più o meno su tutti i fronti, vediamo di capire quali.

Novità anche sul fronte dell’invio delle contravvenzioni : chi è titolare di PEC, infatti, riceverà le notifiche solo per via telematica e non più cartacea.

Sanzioni raddoppiate per chi parcheggia in divieto di sosta: le multe potranno arrivare fino a 647 euro. Potrebbero essere inasprite anche le sanzioni per i passeggeri dei sedili posteriori che non indossano le cinture di sicurezza.

Novità assoluta che potrebbe essere contenuta nella riforma è che l’esecutivo è pronto a estendere il divieto di fumo per chi guida, prevedendo multe molto alte per gli inadempienti.

La riforma, ovviamente, non è ancora Legge e la Lega, da parte sua, è pronta già a presentare un emendamento sui limiti di velocità per innalzarli a  150Kmh in autostrada .

Novità anche per la patente: chi supera l’esame orale potrà ripetere due volte, invece che una, la prova pratica (così come già avveniva in passato).

Il nuovo codice della strada che dovrà essere approvato, quindi, va a cambiare anche le regole per i ciclisti e prevede l’obbligo di casco per i bambini fino a 12 anni di età , inoltre per chi sorpassa le bici ci sarà l’obbligo di distanza laterale minima di un metro e mezzo.  Via libera, infine, ai monopattini che potranno circolare liberamente in città.