Sciopero e manifestazioni dell’8 marzo, come e perché

Il prossimo venerdì 8 marzo ci sarà uno sciopero indetto dalle varie organizzazioni femministe per urlare contro il sessismo e non solo.

Il prossimo venerdì 8 marzo, in occasione della giornata internazionale della donna, è previsto uno sciopero femminista globale. Pertanto, non si assicurano i consueti orari di trasporti pubblici e privati e, dunque, nemmeno il normale svolgimento di lavoro nelle aziende pubbliche e private.

Lo sciopero femminista globale in Italia

Nella nostra penisola lo sciopero durerà ben 24 ore e sarà organizzato da Non una di meno. In più di 70 città italiane sono previste presidi e manifestazioni. Ma la domanda è: perché si sciopera?
Alla base di questo sciopero c’è la volontà delle donne di reclamare tutti i diritti che ogni giorno loro vedono negarsi. Si dirà basta alle molestie, al femminicidio, agli stupri, alle discriminazioni di genere, al sessismo, all’omofobia, al razzismo. In particolare, si sciopera anche per quest’ultima tematica, andando a mirare il decreto sicurezza e immigrazione (oggetti del mirino il ddl Pillon e il decreto Salvini).
A tale sciopero hanno aderito alcuni sindacati di base, permettendo quindi di avere una copertura sindacale per tutte le categorie di lavoratrici.

Istruzioni per lo sciopero

Come abbiamo detto, grazie a questa copertura sindacale, sarà possibile per le donne lavoratrici scioperare per ben 24 ore. E non sono esclusi uomini.
Potranno scioperare anche le lavoratrici che lavorano per un’azienda il cui sindacato non ha aderito allo sciopero, e non ha importanza che la lavoratrice sia iscritta al sindacato o meno. Ci penserà a comunicarlo la Commissione di garanzia, dalla regione o dall’associazione alla quale l’azienda fa riferimento.
Stesso discorso vale per le scuole statali, ospedali e servizi sanitari pubblici territoriali, che riceveranno una comunicazione dello sciopero attraverso una circolare del ministero dell’istruzione o della regione.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.