Scuola: graduatorie ad esaurimento, e limite fino al 16 maggio, cosa bisogna fare?

Graduatorie ad esaurimento: come ed entro quanto tempo bisogna presentarle. Tutti i dettagli relative anche al destinatario e su come realizzarle.

Negli ultimi giorni il Miur ha pubblicato sul suo sito il decreto riguardante l’aggiornamento delle graduatorie ad esaurimento triennio 2019/20, 2020/21, 2021/22. Come e quando fare la domanda? Quali sono le operazioni che si possono effettuare?

Le graduatorie ad esaurimento, cosa è possibile chiedere?

Si ricorda che tutto il personale docente ed educativo, il quale risulta inserito a pieno titolo o con riserva nella I, II, III o IV fascia delle graduatorie ad esaurimento, ha le seguenti facoltà di chiedere:

– la permanenza e/o l’aggiornamento del punteggio con cui è inserito in graduatoria;

– il reinserimento in graduatoria con il recupero del punteggio maturato all’atto della cancellazione per non aver presentato domanda di aggiornamento nei bienni/trienni precedenti ();

– la conferma dell’iscrizione con riserva o lo scioglimento della stessa;

– il trasferimento da una provincia ad un’altra con eventuale aggiornamento del punteggio.

Nel caso in cui non venisse presentata la domanda, questo atto comporterebbe la cancellazione dalla graduatoria per quanto riguarda gli anni scolasti che seguono. Su domanda dell’interessato, la quale deve essere effettuata entro il successivo termine di aggiornamento, ci sarà la possibilità di un reinserimento in graduatoria.

Graduatorie ad esaurimento, quando presentare la domanda?

Si ha tempo di presentare la domanda relativa alla permanenza/aggiornamento, reinserimento, conferma o scioglimento della riserva o di trasferimento dal 26 aprile al 16 maggio, entro le ore 14.00 del 16 maggio.

Graduatorie ad esaurimento, la presentazione della domanda

La domanda deve essere fatta telematicamente, e quindi attraverso il portale Istanze Online.
Una volta fatto ciò, bisogna seguire due le fasi da seguire. Ricordiamo che chi invece già a effettuato la registrazione, deve svolgere soltanto una fase e non due.

Prima fase: la registrazione del personale interessato. Questa operazione, oltre a prevedere una fase di riconoscimento fisico presso una scuola, la si può già effettuare seguendo le procedure indicate nell’apposita sezione dedicata, “Istanze on line – presentazione delle Istanze via web – registrazione”, la quale si trova sull’home page del sito internet di questo Ministero.

Seconda fase: l’inserimento della domanda. Questa seconda operazione deve essere effettuata dal 26 aprile 2019 al 16 maggio 2019 , fino alle ore 14,00 nella sezione dedicata, “Istanze on line – presentazione delle Istanze via web – inserimento”.

Graduatorie ad esaurimento, chi è il destinatario della domanda?

In base all’oggetto della domanda, si capisce il destinatario.

Se si tratta di una domanda di permanenza, di aggiornamento, di conferma dell’inclusione con riserva e di scioglimento della riserva, questa deve essere inoltrata all’Ufficio Scolastico Provinciale (USP) che ha gestito la relativa domanda per il triennio 2014-17, poi prorogato dalla legge n. 21/2016.

Se si tratta di una domanda di reinserimento, essa deve presentata all’USP. Dalle graduatorie di tale ente ad esaurimento il candidato era stato cancellato, tranne nel caso in cui l’aspirante chieda il trasferimento in altra provincia.

Infine, se si tratta di una domanda di trasferimento, anche della posizione con riserva (conferma o scioglimento) e in caso di reinserimento, questa deve essere inviata all’USP della provincia prescelta.

Katia Russo

Sono Katia, ho 21 anni e sono una studentessa di Lettere Moderne. Fin da piccola la scrittura e la lettura mi hanno sempre affascinato, e crescendo, ho iniziato ad interessarmi di cinema e di arte. Sono una grande curiosona e mi piace trasmettere qualsiasi informazione utile.